diredonna network
logo
Stai leggendo: Abbigliamento neonato: i vestitini indispensabili per il nostro bambino

Sport in gravidanza: si può fare?

"Avrà un bimbo da sola": storie di italiane single all'estero per avere un figlio

"10 cose che voglio che mia figlia sappia sul suo corpo"

Mola vescicolare, che cos'è, sintomi e cause

Maternità facoltativa: come e perché richiederla

La reazione di questo papà alla nascita del figlio è epica

Essere 'matrigna': "Sono non-madre della figlia di un'altra ed è meraviglioso"

L'altra faccia della discriminazione: "Noi donne senza figli, lavoratrici di serie B"

Parto: perché dovresti pretendere non venga tagliato subito il cordone ombelicale

Non mi serve un papà: divento mamma "da sola", scongelando i miei ovociti

Abbigliamento neonato: i vestitini indispensabili per il nostro bambino

Quali sono i vestitini indispensabili che non devono mai mancare nell'armadio del vostro bimbo? Scopri subito l'abbigliamento perfetto per i neonati!
abbigliamento neonato

Vestire un bambino non è mai semplice, a maggior ragione nei primissimi mesi di vita e soprattutto nel passaggio tra stagioni calde, fredde e intermedie.
Per scegliere l’abbigliamento adatto ad un neonato, quindi, è forse meglio seguire alcune semplici regole, banali ma assolutamente efficaci.

Vestiti e accessori indispensabili per il bambino

Durante i mesi invernali, ad esempio, un piccolo può essere vestito “a strati”, con lo stesso numero di capi indossati da genitori, più uno “per scrupolo”.
Se infatti, per uscire, una mamma indossa stivali, calze, jeans, maglione, giacca, guanti, sciarpa e berretta, allora il suo bimbo dovrà indossare esattamente la stessa quantità di vestiti, più uno strato aggiuntivo di solito costituito da una tutina integrale che avvolge il neonato dalle mani ai piedi (ma anche una semplice coperta adagiata sul passeggino potrebbe essere sufficiente).

L’importante è non esagerare, perché passando da ambienti esterni ad interni e viceversa (dalla strada alla propria casa, così come dall’automobile ad un mercato) è bene non dimenticare di rimuovere gli strati superficiali o di troppo, anche dal passeggino nel caso della coperta di cui abbiamo accennato.

In inverno un bambino va alleggerito anche quando viene messo a dormire, perchè la temperatura nel lettino è sempre maggiore a causa della grande quantità di copertine, federe e cuscini solitamente utilizzati. Il neonato va spogliato anche se sta dormendo, perchè gli eccessi sia in termini di caldo che di freddo non vanno mai bene.
La temperatura è un parametro da non trascurare assolutamente, da tenere sempre sotto controllo per evitare che il bimbo sudi o abbia i brividi senza che nessuno se ne renda conto in tempo utile. Periodicamente è consigliabile verificare se il bambino ha caldo o meno, anche semplicemente toccandolo sul collo per capire se è sudato o se è particolarmente freddo.

Questo è molto importante, perché i piccoli non sono in grado di regolare autonomamente la propria temperatura corporea, finendo per subire parecchio qualsiasi tipo di picco di caldo o di freddo, anche pericolosamente.

Nel corso delle umide e torride giornate estive, vestire un neonato in modo più che adeguato è importante quanto farlo nel periodo invernale. Infatti, il calore non dev’essere sottovalutato minimamente, preferendo ad esempio un abbigliamento il più possibile traspirante, magari realizzato in cotone. Con gli indumenti giusti si possono evitare rischi fastidiosi piccole dermatici o pruriti vari, che possono finire per irritare la pelle del bimbo. In occasione delle passeggiate estive, il neonato dovrà indossare un cappellino protettivo dai raggi solari e il passeggino dovrà essere dotato di un piccolo ombrellone di quelli che ormai si trovano ovunque, senza tralasciare creme protettive e idratanti della pelle.

Corredo per la camera del neonato

A proposito di lettino e cameretta del bambino, è bene non trascurare l’arredamento e l’organizzazione di questi ambienti, anche se può sembrare una cosa di poco conto, perché non è un’operazione semplice o puramente estetica.
La cameretta è il luogo in cui il bambino dorme, ma anche quello in cui comincerà a crescere dando libero sfogo a giochi, attitudini e creatività, sviluppando la propria personalità.

Pertanto, nella valutazione degli spazi, è importante non perdere di vista quali sono le funzioni da inserire: angolo notte (quello in cui viene posizionato il lettino, quindi lontano da finestre e termosifoni), angolo giochi (solitamente ampio e senza impedimenti), angolo “studio e creatività” (allegro, luminoso e stimolante), angolo relax.
A seconda delle scelte fatte, gli ambienti prendono forma e acquisiscono valore, funzionalmente e visivamente. Ognuno di questi, inoltre, deve avere caratteristiche specifiche e ben definite.

Come è facile comprendere, avere un bambino non è una cosa facile, a cominciare dall’abbigliamento e dai corredi da acquistare, fino all’arredamento della cameretta. Servono attenzione e cura assoluta di tutti minimi dettagli.