diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 Buoni Motivi per scegliere le Adozioni a Distanza

5 Buoni Motivi per scegliere le Adozioni a Distanza

Le Adozioni a Distanza sono ormai sempre più diffuse perché permettono, con un impegno economico decisamente contenuto, di supportare ed aiutare concretamente bambini e famiglie in situazioni di necessità. Ecco 5 buoni motivi per scegliere le adozioni a distanza, cercando di fare concretamente del bene per gli altri.
adozioni a distanza
fonte: adozionitibiet.it

Sono sempre di più le persone che si interessano alle adozioni a distanza, che si documentano facendo ricerche in rete e che dopo essersi informate un po’ decidono di affidarsi ad associazioni nazionali ed internazionali per riuscire a sostenere in modo concreto bambini, famiglie, progetti o intere comunità. La cronaca quotidiana ci mostra situazioni veramente drammatiche in tanti paesi del mondo, ed il fatto che quasi sempre a farne le spese siano i più innocenti ed i più deboli, vale a dire i bambini, rende tutti quelli che, come noi, sono nati nella parte più fortunata del mondo, particolarmente sensibili all’argomento e ben disposti a cercare di fare del bene e di portare un aiuto concreto a chi soffre.

Le adozioni a distanza sono una modalità piuttosto semplice per riuscire a fare del bene ed a riportare speranza e supporto nella vita di chi soffre: con uno sforzo piccolissimo e con un impegno economico ridotto è possibile fare spontaneamente un gesto che si rivela davvero grande per chi lo riceve. Ecco perché abbiamo deciso di mostrarvi 5 buoni, anzi ottimi motivi per scegliere le adozioni a distanza, e per portare la speranza nella vita di chi si sente come se la avesse ormai persa per sempre.

1. Una forma di sostegno concreto, che può addirittura salvare delle vite

cosa si indende per adozioni a distanza
Fonte: amref

Le adozioni a distanza, conosciute anche come sostegno a distanza, permettono di dare un aiuto concreto, permettendo ai bambini, alle famiglie ed alle comunità di continuare a vivere nella loro terra di origine. Mentre infatti con l’adozione vera e propria il bambino lascia la sua terra e le sue origini per ricominciare una nuova vita insieme alla famiglia adottante, con il meccanismo delle adozioni a distanza il bambino continua a vivere nel suo paese e nella sua casa, ma gli viene fornito tutto quanto è necessario per il suo mantenimento, per permettergli di curarsi in caso di malattia, per andare a scuola ed aiutarlo a costruirsi un futuro.

Esistono varie tipologie di adozioni a distanza, a seconda che si decida di farsi carico, in parte o per intero, della somma necessaria a mantenere un bambino, una intera famiglia, o una piccola comunità: la scelta dipende dal tipo di associazione a cui si decide di rivolgersi, e di conseguenza ai progetti attivati per quel determinato territorio. Sostenere i bambini, le comunità e le famiglie nel loro paese d’origine vuol dire anche e soprattutto permettere a quel paese di crescere, combattendo dall’interno la povertà e la miseria di quei luoghi.

2. Impegni economici minimi che però producono risultati enormi

adozioni a distanza
fonte: savethechildren.it

Normalmente, le persone che decidono di avviare delle adozioni a distanza hanno la possibilità di stabilire, sulla base delle proprie possibilità economiche, la somma che mensilmente desiderano donare per il sostegno. Chi ha la possibilità di farsi carico di una somma mensile più alta potrà, molto probabilmente, accollarsi il totale delle spese necessarie a mantenere un bambino oppure una famiglia: ma trattandosi di paesi che vivono una fortissima situazione di povertà, a volte una donazione mensile che per noi sembra avere un importo quasi ridicolo permette di far fronte a tutte le necessità del bambino.

Donazioni mensili di anche soli dieci euro al mese riescono davvero a fare la differenza, ed a produrre enormi risultati: a fronte di un sacrificio minimo, è possibile avere risultati eccezionali

3. Sono estremamente semplici dal punto di vista pratico: tutti ne possono attivare una

facilità pratica delle adozioni a distanza
fonte: savethechildren.it

Siamo abituati ad associare la parola adozione all’idea di qualcosa di complicato, difficoltoso, ed estremamente burocratico. Le adozioni a distanza, invece, sono decisamente più semplici da gestire: possono essere attivate da chiunque abbia il desiderio e la disponibilità economica per sostenere un bambino o una famiglia in difficoltà e non comportano nessun tipo di obbligo giuridico. Nel caso in cui poi dovesse venire a mancare la disponibilità economica da parte di chi dona possono essere interrotte in qualsiasi momento, ma senza che il bambino o il progetto ne subiscano un danno, visto che il sostenitore viene semplicemente sostituito con un altro.

Alcune associazioni permettono che tra il sostenitore ed il bambino si crei una forma di rapporto, anche se minimo, permettendo, ad esempio, tra loro uno scambio di lettere, o addirittura la partecipazione a viaggi programmati per visitare i paesi sostenuti.

4. Si possono ottenere dei benefici fiscali in dichiarazione dei redditi

benefici fiscali delle adozioni a distanza
fonte: vita.it

Le somme destinate alle adozioni a distanza permettono al donatore di beneficiare di una serie di agevolazioni fiscali nella dichiarazione dei redditi. Conservando la attestazione di donazione, la ricevuta generica di pagamento o la contabile del bonifico effettuato a favore dell’associazione che gestisce l’adozione, è possibile ottenere in dichiarazione dei redditi un beneficio fiscale di importo diverso a seconda dell’ammontare della donazione durante l’anno.

È possibile dedurre l’importo donato dal proprio reddito complessivo, tenendo presente il limite del 10% del reddito complessivo dichiarato fino a un massimo di € 70.000; oppure è possibile detrarre dall’imposta lorda il 19% dell’importo donato.

5. Esistono moltissime associazioni a cui affidarsi per una adozione a distanza

associazioni adozioni a distanza
fonte: savethechildren.it

Il ventaglio di possibilità che si apre per chi decide di attivare una o più adozioni a distanza oggi è davvero ampio: esistono moltissime associazioni che operano nel settore, la maggior parte delle quali ha un nome e una immagine consolidata nel panorama delle ONLUS, che permette anche di rassicurare chi dona sul reale utilizzo che verrà fatto delle somme versate. Rivolgersi a grandi associazioni come Save the Children, Ai.Bi. Amici dei Bambini, Unicef, assicura al donatore l’assoluta certezza sulle modalità in cui la somma viene utilizzata.