diredonna network
logo
Stai leggendo: I bambini nati con il parto cesareo rischiano l’obesità. Ecco perché

Quanto costa una baby sitter?

Storia di Roberta, che da bambina sapeva già di essere Edoardo

Assorbenti post parto: quali scegliere?

Perché i pediatri dicono no a dieta vegana e vegetariana per i bambini

5 Storie di violenza ostetrica: una donna su 5 maltrattata durante il parto

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

Malata di cancro, sacrifica la sua vita per dare alla luce sua figlia

I bambini nati con il parto cesareo rischiano l'obesità. Ecco perché

In base ai risultati di una recente ricerca ci sarebbe una correlazione tra il rischio obesità e la tipologia di parto, in quanto i bimbi nati con parto cesareo sarebbero maggiormente predisposti all'aumento di peso. Scopriamo di più!
Fonte: Web
Fonte: Web

L’attenzione sviluppata negli ultimi anni nei confronti del grave problema dell’obesità, soprattutto infantile, ha avuto come conseguenza il fiorire di numerosi studi, atti a rintracciare le cause o i fattori che favoriscono l’aumento di peso nei bambini, naturalmente escludendo l’alimentazione scorretta e uno stile di vita sedentario, elementi la cui responsabilità nell’obesità ormai è accertata.

Un team di ricercatori guidato dal professor Jorge Chavarro della Harvard T.H. Chan School of Public Health, in un’indagine ad ampio spettro pubblicata sulla rivista Jama Pediatrics, avrebbe dimostrato che i bambini nati con parto cesareo sarebbero maggiormente predisposti al rischio obesità, addirittura del 15% in più rispetto ai bambini nati con parto naturale. Lo studio è stato condotto a partire dai dati raccolti nell’ambito di una ricerca precedente, appartenente al progetto Growing Up Today e relativi ad numero vastissimo di soggetti, vale a dire 22.068 giovani, che dal 1996 al 2012, hanno dovuto compilare annualmente un questionario relativo alla propria forma fisica.

Fonte: Web
Fonte: Web

Queste informazioni, unite ai dati relativi alle madri e alla tipologia di parto, se naturale o meno, hanno condotto gli studiosi a confermare un legame tra l’obesità e il parto cesareo. Per raggiungere un risultato più soddisfacente ed escludere eventuali componenti genetiche, i ricercatori si sono soffermati in particolar modo sui casi di fratelli e sorelle, in cui uno era nato con parto vaginale, l’altro con cesareo. I ragazzi nati con parto naturale hanno mostrato un coefficiente di rischio per quanto riguarda un eccessivo accumulo di adipe inferiore del 68% rispetto al fratello nato con cesareo.

Ma perché la tipologia di parto influirebbe sul peso dei bambini? Il motivo andrebbe da ricercarsi nella possibilità che nel canale vaginale della madre siano presenti microorganismi che andrebbero a modificare la flora intestinale del neonato al momento della nascita. Saltando questo passaggio, i bambini non entrerebbero in contatto con questi batteri e questo influirebbe sul loro metabolismo anche a distanza di anni.

Questa indagine, come sottolinea lo stesso team di ricerca, non vuole assolutamente demonizzare il parto cesareo, una procedura in alcuni casi salvavita per mamma e bambino, tuttavia se i risultati di altri studi dovessero confermare questa correlazione, il rischio obesità sarebbe uno dei fattori su cui riflettere prima di sottoporsi al parto cesareo.