diredonna network
logo
Stai leggendo: Maschio o Femmina? 30 Modi Tradizionali e Divertenti per Saperlo

Cos'è il meconio e di come si definisce la sindrome da aspirazione di meconio

Lory Del Santo: "Voglio una bambina a 60 anni"

Quasi gemelli: questa coppia aspetta due bambini. Uno a testa

AAA Cercasi famiglia che adotti, insieme, questi cinque fratelli

8 storie vere di aborto prima della legalizzazione

L'aumento del peso in gravidanza: qual è quello giusto?

Hypnobirthing: paura del dolore del parto? Prova l'ipnosi

Sudamina nei bambini: cos'è, quali sono i sintomi e i rimedi

Mamma furiosa: "Gli orsetti sulla torta della bimba hanno la vagina disegnata"

"Perché lascio che i miei figli mi vedano nuda"

Maschio o Femmina? 30 Modi Tradizionali e Divertenti per Saperlo

Sin dalla notte dei tempi, tutti hanno cercato modi più o meno originali per indovinare il sesso di un nascituro. Noi ve ne abbiamo raccolti un bel po'. Vi va di divertirvi con noi?
Foto: web

Siete in dolce attesa o sperate di esserlo un giorno?

Inutile dire che quando arriva quel momento siamo tutte molto curiose di conoscere il sesso del bambino, anche quando il risultato ci è del tutto indifferente e non abbiamo quindi nessuna preferenza in proposito.

Ma pensare già al bimbo che verrà come a un lui o a una lei ce lo fa sentire se possibile ancora più vicino.

E come fare allora per sapere in anticipo se appenderemo un fiocco rosa o uno blu?

Il metodo scientifico è l’amniocentesi, un esame piuttosto invasivo cui si ricorre a volte per conoscere lo stato di salute del bimbo, ma non certo per saperne soltanto il sesso.

L’ecografia, cui invece ci sottoponiamo in gravidanza di routine, può venirci in aiuto, ma solo da un certo mese e sempre che in quel momento il pupetto sia girato dal verso giusto.

Poi ci sono tantissimi metodi che di scientifico non hanno nulla, sia ben chiaro, ma è divertente conoscerli.

Non sono precisi né tanto meno infallibili, ma non costano nulla e magari ci aiutano a farci passare il tempo in quei nove mesi che a volte sembrano un’eternità.

E poi perché non giocare, visto che di un gioco si tratta?

Avete comunque il 50% delle probabilità di indovinare, no?

Foto: web

 1. I seni

Se il seno sinistro è più grande di quello destro potreste aspettare una femminuccia, se invece le areole dei capezzoli si sono scurite molto, si dice che è perché avete un piccolo ometto in arrivo.

Ma sui seni si tramanda anche altro.

Se crescono molto hai nel grembo una bimba, se crescono di poco un maschietto (questo dovrebbe spiegarsi perché nel secondo caso l’aumento di testosterone rallenterebbe la crescita del seno).

Se tendono a scendere poi dovreste aspettare un bimbo, mentre se restano su, una bimba.

2. Le nausee

Hai le nausee all’inizio della gravidanza?

Femminuccia in arrivo!

3. La pancia

È la più antica delle “leggende”: pancia tonda che si allarga sui fianchi indica femmina, pancia a punta indica maschio.

4. La frequenza cardiaca del bambino

Se il battito del suo piccolo cuoricino è inferiore a 140 battiti al minuto dovrebbe essere maschio, se invece è superiore, dovreste avere una femmina.

5. I capelli

Se i tuoi capelli acquisiscono dei riflessi rossastri potresti avere in grembo una femminuccia.

Si vede che ci piace da subito giocare con i colori.

Foto: web

6. I piedi

I piedi freddi in gravidanza dovrebbero segnalare la presenza di maschietto a bordo.

7. Ho voglia di..

I maschietti dovrebbero dare alla mamma la voglia di mangiare cibi salati e il bisogno di assumere proteine attraverso salumi e formaggi, ad esempio.

Le femminucce, invece, spingerebbero a mangiare più dolci e più frutta.

8. Fame

Anche l’appetito cambierebbe a seconda del sesso.

E il maschietto avrebbe – e darebbe – molta più fame.

9. Il pane

Questa la capisco ancora meno di altre: se hai una bimba nella pancia non vorrai mangiare il culetto del pane.

10. Il viso

Quando si dice che in gravidanza le donne sono più belle, ci dovremmo riferire solo a quelle che aspettano un maschio.

Almeno secondo la tradizione, per cui le mamme di femminucce avrebbero un viso che presenta maggiori impurità.

Foto: web

11. L’ovale

Se il viso vi sembra diventato più spigoloso preparate il corredino azzurro.

Se si è arrotondato, vai con il rosa.

12. Le voglie (di cibo) del marito

Se anche il papà abbonda a tavola come la mamma durante la gravidanza, la coppia di “mangioni” dovrebbe aspettare una femminuccia.

13. Umore

Pare che aspettare un maschio renda più serene, mentre le femminucce farebbero peggiorare l’umore (questa secondo me è una tradizione che risale ai tempi – per fortuna passati – in cui i figli maschi erano considerati una benedizione, le femmine no).

14. Gli odori

Se ti senti il naso da segugio e non ti sfugge nessun odore, stai aspettando un maschio.

15. Le mani

Le mamme di ometti  si riconoscerebbero anche dalle mani secche.

foto: web

16. Mal di testa

Quello lo fanno venire gli uomini.

Secondo tradizione anche quando stanno nella pancia 😉

17. I peli

Se aspetti un maschio pare che ti tocchi ricorrere più spesso alla depilazione delle gambe.

18. La pipì

Neanche la pipì sfugge all’appello.

Quella chiara e brillante la fa chi aspetta un maschio.

È più opaca quella di chi aspetta una femmina.

19. Il cuscino

Se quando dormi è esposto a nord, avrai un bimbo, se invece è esposto a sud, una bimba.

20. La stanchezza

Vi svegliate come se non aveste mai dormito abbastanza?

Potrebbe essere femmina.

Siete più energiche al mattino?

C’è aria di maschietto.

Foto: web

21. Il sesso

Poteva mancare il fattore sesso tra i vari metodi tramandati dalla tradizione?

Se avete una memoria d’elefante e vi ricordate il giorno in cui avete concepito il bebè, tenete a mente che se avete preso voi l’iniziativa potrebbe essere un maschio, altrimenti una femminuccia.

22. La moneta

Passiamo al campo della “fortuna”: se lanci una moneta ed esce testa, è quella di un maschio.

Che non mi si dica che è perché la femmina è una croce, vi prego!

23. Fede e catenella

Non mancano le tradizioni più “esoteriche”.

Se appendi la fede ad una catenella e la fai ruotare, occhio ai suoi movimenti: se forma dei cerchi è maschio, se va da un lato all’altro è femmina.

24. La prova della forcella

Anche questa è antichissima.

Si prende lo sterno di un pollo spezzato fra due contendenti:  il pezzo più corto indica maschio, mentre quello con la “cuffia” indica femmina.

25. La luna

Torna a ritroso al giorno del concepimento e verifica: se è avvenuto in fase di luna crescente dovresti avere un maschio, se in fase di luna calante, una femmina.

Foto: web

26. Fatti i conti

Occhio a questi numeri.

Se sommando gli anni che avete al momento del concepimento al numero del mese in cui è avvenuto il concepimento il risultato è pari, dovreste avere un maschietto, se è dispari una femminuccia.

27. Il conto delle “R”

Diamo ancora i numeri.

Sommate il numero di “R” presenti nel vostro nome e cognome, fate lo stesso per il papà, poi aggiungete anche quelle presenti nei vari mesi a partire dal mese di gravidanza.

Se non vi è venuto mal di testa, verificate il totale delle “R”: un numero pari indica femmina, un numero dispari maschio.

28. Le lettere dei cognomi

Altra “prova” di matematica.

Se sommando le lettere dei cognomi dei genitori il risultato è pari dovreste avere un maschio, una femmina se invece viene dispari.

29. La chiave

Se ad aspettare un bebè è una vostra amica, potreste fare questa prova: mettete una chiave davanti alla sua pancia e vedete da quale parte lei la prenderà.

Se lo farà da sopra dovrebbe aspettare una femmina, se lo farà da sotto, un maschio.

30. Il fratellino dice che…

Se sei al secondo figlio, controlla l’attaccatura dei capelli del primo: se finisce con un codino sulla nuca il fratellino sarà un maschio.

Che poi alla fine, statene certe, ognuno vorrà dire la sua.