diredonna network
logo
Stai leggendo: Denuncia l’ospedale di averle rubato il figlio appena nato. Per i medici “Gravidanza immaginaria”

Quanto costa una baby sitter?

Storia di Roberta, che da bambina sapeva già di essere Edoardo

Assorbenti post parto: quali scegliere?

Perché i pediatri dicono no a dieta vegana e vegetariana per i bambini

5 Storie di violenza ostetrica: una donna su 5 maltrattata durante il parto

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

Malata di cancro, sacrifica la sua vita per dare alla luce sua figlia

Denuncia l'ospedale di averle rubato il figlio appena nato. Per i medici "Gravidanza immaginaria"

Una storia davvero da brividi quella di Claudia.Questa madre ha denunciato l'ospedale dove ha partorito di averle rubato il figlio.
(foto:Web)
(foto:Web)

Una storia davvero scioccante quella che ci viene raccontata dai quotidiani brasiliani.
Una donna, Claudia Aparecida Lopes, brasiliana di 30 anni, ha denunciato i medici dell’ospedale di averle rubato il bambino subito dopo il cesareo, ma i medici si difendono parlando di una “gravidanza isterica”.

I medici insistono parlando di una gravidanza immaginaria. Non c’era nessun bambino. Ma la polizia ha deciso comunque di aprire un’inchiesta e ascoltare entrambe le versioni. La donna sostiene di avere fatto tutti gli esami e di avere anche delle ecografie che mostrano il bambino in posizione podalica, motivo per il quale si era deciso di procedere con un taglio cesareo.
Al ritorno dalla sala operatoria alla donna è stato detto che non aveva nessun bambino, i medici hanno effettuato il taglio ma, a quanto hanno dichiarato, nella pancia non c’era il feto e che quella della donna era una gravidanza immaginaria. L’azienda ospedaliera fa sapere che sarà condotta un’indagine interna per capire il motivo per cui è stato effettuata l’operazione se il feto non c’era realmente.

Ma com’è possibile effettuare un’operazione senza essere sicuri della presenza di un bambino?