diredonna network
logo
Stai leggendo: Il dramma dei figli di genitori eroinomani: le storie shock

Il dramma dei figli di genitori eroinomani: le storie shock

Due terribili storie hanno sconvolto l'America e non solo. Due drammatiche vicende che hanno come protagonisti bambini innocenti, la cui unica "colpa" è quella di essere figli di genitori eroinomani e che per questo motivo si sono ritrovati a dover affrontare situazioni molto più grandi di loro. Ecco le storie shock.
Fonte: Web
Fonte: Web

La droga è uno dei mali dei nostri tempi. Sono diversi i motivi che spingono uomini e donne alla dipendenza dagli stupefacenti, dalla noia, al voler provare nuove emozioni, fino al desiderio di voler offuscare la propria mente con lo scopo di “fuggire” da una realtà problematica. La tossicodipendenza diventa una condizione ancora più grave quando a farne le spese sono anche i bambini.

A distanza di poco tempo sono arrivate dall’America due terribili storie che hanno sconvolto l’opinione pubblica e che hanno nuovamente acceso i riflettori sulla piaga della droga.

1. La foto shock

Fonte: Web
Fonte: Web

Recentemente la polizia dell’Ohio ha postato sul suo account Facebook una foto che ha fatto letteralmente il giro del mondo a causa della sua drammaticità. Nell’immagine si vede una coppia in overdose, lei svenuta con gli occhi semi-aperti, lui privo di sensi con la testa rivolta all’indietro. Sul sedile posteriore, un bambino con lo sguardo perso. La polizia ha pubblicato anche il rapporto sulla vicenda, un verbale che racconta una storia di disagio e tossicodipendenza. Gli agenti sono stati allertati da alcuni cittadini che hanno visto un’auto sbandare per strada, accorsa sul posto la polizia ha trovato la coppia in overdose. Il guidatore ha spiegato, una volta arrivati in ospedale, che stava accompagnando la compagna al pronto soccorso a causa dell’assunzione di una dose massiccia di eroina, quando anche lui, drogato, è svenuto sul sedile. Il tutto è accaduto alla presenza del figlio di soli 4 anni: il piccolo era passato sotto la custodia dei servizi sociali e i suoi genitori incriminati.

Continua a leggere