diredonna network
logo
Stai leggendo: Il battito del cuore del mio bambino

Il battito del cuore del mio bambino

Seconda settimana dopo il testCaro SismaStasera ho visto per la prima volta battere il tuo cuore. Mi ha investita con la violenza di un uragano la consapevolezza che sei vivo, non "una parte di me", ma una vita per conto tuo. Una persona.

In quanto persona, vorrei presentarti, o meglio prepararti alla famiglia che troverai una volta arrivato a destinazione.

In primis ci sono io, tua madre: sono una brava ragazza, per quanto un tantino atipica. Mi piace combattere (kung fu, boxe, scherma medievale…) ma solo sul ring; nella vita di tutti i giorni sono ipercinetica e maniaca del controllo, ma non violenta.
Tuo padre, qui accanto a me, è istuttore di kung fu, amante della musica e appassionato di storia. È adorabile e creativo. La logica conseguenza è che ha sempre la testa fra le nuvole, non ascolta mai quello che viene detto attorno a lui e viene colto totalmente alla sprovvista da eventi imprevisti quali: appuntamenti dal medico, scadenze e programmi vari.


Possiedi poi due zie, una è la sorella di mamma e una di papà. La zia Erica, sorella di mamma, è un avvocato. Lo so, figliolo, ma devi tenere conto che cose del genere accadono anche nelle migliori famiglie. Non piangere. Magari un giorno si redimerà e farà un corso di pasticceria, chi lo sa! Poi ha anche dei pregi: cucina benissimo!
L’altra zia, la zia Maria Vittoria, è la sorella di papà. Vive lontano purtroppo, ma è una persona trascinante e appassionata di teatro. Poichè ognuno di noi deve avere almeno uno zio matto, con lei sei in media.
Tuo padre, poi, possiede anche un fratello. Tuo zio Salvatore è un uomo gentile e ironico, con gli occhi che ridono. Ti piacerà un sacco.
Possiedi poi tre nonni e due bisnonne. Le bis sono certamente l’articolo più pregiato e ti attendono con un’ansia che rasenta la follia pura. In media una volta ogni tre giorni mi domandano quando arriverai. Tu continui, imperterrito, ad arrivare a marzo, indispettendole molto. Mi hanno detto nell’ordine di: fissare concentrandomi i bambini belli per renderti bello, parlarti continuamente, non fare il bagno perchè sentendo l’acqua potresti uscire in anticipo (pensando di continuare a nuotare nella tua piscina privata) e di farmi fare una foto finchè sono ancora magra perchè potrei morire di parto e mi potrebbe servire per la lapide. Sono due signore adorabili.

 

I miei genitori, tuoi nonni materni, sono una coppia ipercinetica. Sono entrambi molto belli e spigliati e in continuazione svolgono le seguenti attività: viaggiare, fare progetti, portare avanti progetti, bisticciare su cosa abbiano fatto e visto assieme. Non so se effettivamente dormano, ma possiedono una camera da letto.
Il tuo papà ha solo la mamma, tua nonna paterna, perchè tuo nonno Antonio adesso è in cielo insieme ai miei nonni. Scommetto che si divertono molto insieme.
La tua nonnina paterna è mammosa, gentile, buffa e rocciosa. Ha un senso dell’umorismo quasi inglese, poche convinzioni ma inflessibili quanto l’eternità ed è gentile, precisa e premurosa.

 

Questa è circa la parte adulta della tua famiglia. Mancano i tuoi cugini, ma te li racconterò un’altra sera. Ti aspettiamo tutti. Ti amiamo tutti. E non permetteremo che ti accada nulla di male, finchè potremo.
Vai tranquillo, Sisma. Non sei solo.