diredonna network
logo
Stai leggendo: Paesi nordici: nanna sotto zero e tanta salute

I neonati italiani piangono di più rispetto a tedeschi, danesi e giapponesi

Due mamme e due papà per Maelyn: l'altra faccia dell'essere co-genitori

Sei incinta? Ecco perché dovresti fare scorta di preservativi ghiacciati

Luna e parto: solo una leggenda metropolitana o verità?

Maternità senza figli: "Io la vivo attraverso il rapporto con i figli delle mie amiche"

Genitori di ragazze madri: "Quando tua figlia adolescente ti dice che è incinta"

Baby blues: "Dovrebbe essere il momento più felice, ma non lo è"

Stick di ovulazione: mai provato lo stick che ti dice quando puoi restare incinta?

The Stork: né sex toy, né strumento di tortura, ma una "cicogna" per rimanere incinta

"Solo una mamma": storie di madri che crescono i figli da sole

Paesi nordici: nanna sotto zero e tanta salute

A questa notizia, forse, le mamme italiane reagiranno con orrore: in Nord Europa i bambini dormono spesso all'aperto, anche con la neve. È la pratica della nanna sotto zero e pare faccia un gran bene al loro sistema immunitario. Parola di pediatra
Paesi nordici: nanna sotto zero e tanta salute

Arrivano i primi freddi ed ecco che, in men che non si dica, corriamo a rintanarci sotto il piumone. Probabilmente avrete già sorseggiato la vostra prima tisana; magari anche la prima cioccolata calda dell’inverno.

E che dire dell’abbigliamento casalingo? È soltanto ottobre, eppure scommettiamo che siete già in pieno regime “plaid sulle spalle a mo’ di mantello”. Le regole del perfetto outfit da pantofolaia le conosciamo tutte: la coperta va abbinata ai calzettoni spessi, rigorosamente infilati sopra ai pantaloni del pigiama. Freddolose di tutto il mondo, unitevi!

Insomma: sarà il nostro sangue mediterraneo, ma noi al freddo proprio non resistiamo. Al “fuoco nemico” di vento e pioggia rispondiamo con sciarpa e caminetto. Per non parlare dei nostri bimbi: non appena le temperature si abbassano, scatta la corsa a metterli a riparo. Ma siamo matti? Potrebbero prendersi un raffreddore.

Ed ecco allora che, quando si entra nel vero e proprio periodo invernale, i giochi all’aperto diminuiscono drasticamente. Diciamo che sono proprio banditi. Saremo mamme ansiose? Secondo alcuni studi, sembrerebbe di sì.

Fonte: Web

Pensate che, nei Paesi nordici, è molto diffusa la pratica della nanna sotto zero. Per la precisione, dai 15 ai 10 gradi sotto zero. Per questa teoria strampalata – ma in fin dei conti, mica tanto – dobbiamo ringraziare un pediatra finlandese, l’impronunciabile dottor Arvo Ylppö. La diffusione della sua teoria, che invitava i genitori a far dormire i propri bimbi all’aperto anche in inverno, ha ridotto drasticamente il tasso di mortalità negli anni Venti.

I benefici della nanna sotto zero

Fonte: Web

Se ci pensate, ce lo dicevano sempre le nostre nonne: “Vai a giocare fuori, esci a prendere un po’ d’aria!”. E bisogna ammettere che anche le più musone di noi, dopo aver seguito il consiglio, tornavano a casa di buonumore, ritemprate dall’attività all’aria aperta.

L’esposizione al sole e all’aria fresca fa bene al corpo e alle difese immunitarie. In particolare, i raggi solari sono una fonte preziosa di vitamina D, il più efficace anti depressivo in natura. Un bambino che gioca all’aperto cresce meglio, insomma, più sano e più forte.

Certo, in Italia il sole non manca. Mentre all’estremo Nord dell’Europa, ecco… la storia cambia. I lunghi mesi invernali possono essere piuttosto bui. Anche per questo esistono teorie per noi estreme come la nanna sotto zero: secondo i medici, se le ore di sole scarseggiano, è consigliabile aumentare il più possibile il tempo trascorso all’aria aperta. Anche – soprattutto – per i più piccoli.

Paesi nordici: nanna sotto zero e tanta salute

La nanna sotto zero deriva proprio da questo: dal cercare di sfruttare, in ogni modo, quante più ore di luce sia possibile. Lasciando che i propri bambini, ovviamente imbacuccati a dovere, facciano un sonnellino all’aperto, nel proprio passeggino, anche solo in terrazzo. E il freddo, vi domanderete inorridite, non fa loro male?

Niente affatto! Secondo i medici, aiuta il corpo ad abituarsi alle variazioni climatiche. Con temperature che arrivano a -27°, i popoli nordici fanno dormire all’aperto anche bimbi di due settimane (ovviamente sotto la loro supervisione, e mai per un lasso di tempo troppo lungo). E questo, parola di finlandesi & co, fa crescere i loro cuccioli più forti e sani, meno predisposti ad ammalarsi.

Certo: se i vostri figli hanno il sonno leggero, difficilmente riuscirete nell’impresa di farli dormire all’aria aperta. Se invece assomigliano a questi qua sotto, beh… sicuramente non avrete problemi!