diredonna network
logo
Stai leggendo: Prima settimana dopo il test di gravidanza

Prima settimana dopo il test di gravidanza

Mio marito presenta i seguenti sintomi: pesantezza alle gambe, stanchezza cronica, lieve e persistente mal di testa. Tipico dei primi mesi di gravidanza, niente di preoccupante.Io e il bambino invece, stiamo abbastanza bene, per fortuna.

Mio marito presenta i seguenti sintomi: pesantezza alle gambe, stanchezza cronica, lieve e persistente mal di testa. Tipico dei primi mesi di gravidanza, niente di preoccupante.
Io e il bambino invece, stiamo abbastanza bene, per fortuna.
Sono stata in ansia tutta la settimana per le fitte alla pancia. Assomiglino molto ai crampi mestruali e arrivano a sorpresa, anche se mi sono accorta che la stanchezza li aumenta.


Tolto questo, la settimana è trascorsa felice, mangiando enormi quantità di insalata. Il più evidente effetto collaterale per il momento è che mi sento terribilmente bella, nonostante la ritenzione mi abbia fatto prendere in kilo, dovuto più al caldo anomalo che al bambino!
venerdì appuntamento dalla ginecologa, per vedere come vanno le cose: la sera prima, di colpo, mi parte una vera crisi isterica adolescenziale: l’ansia per il fatto di non sapere niente, le storie horror raccontate con evidente sadica soddisfazione dalle altre donne attorno a me e la stanchezza si sono combinate in un coctail esplosivo: ho piantato in asse il mio sconvolto marito sul divano, sono scappata in auto (ovvero, sono scappata fino al parcheggio e mi sono chiusa in auto) e ho pianto per un’ora buona.
Povero bambino, chissà che persona instabile è convinto di avere per madre!
Poi, venerdì, finalmente, ho visto il mio bambino. Attualmente è una macchia nera fagioliforme della lunghezza di 6mm, alto per le sue 3 settimane di vita.
La ginecologa mi ha vietato tutto ciò che è crudo (giusto, non ho ancora i risultati del toxo test), gli alcolici (mai bevuto in vita mia), mi ha ingiunto di lavare con acqua e amuchina frutta e verdura (giusto, per il richio listeriosi).
Poi mi ha proibito tutti i latticini e i prodotti lievitati (come pane e pizza) e mi ha limitato la quantità di verdure. Povera anima, lei non sa che sono una dietista. Pensava di poter tranquillamente sparare stupidaggini.

 

Ma qui siamo nell’ambito della validità scientifica degli stregoni zulu, purtroppo. Glielo faccio delicatamente notare e ricevo, a mo’ di risposta il monito: “ti gonfiano la pancia” ma stella del mattino, lo saprò bene io cosa mi gonfia, no? “Poi al massimo prendi un po’ di Polase” ecco. Mi sembra un’idea fantastica. Ascolta astro nascente dei Premi Ignobel, mi limiti frutta e verdura e mi dai un’integrazione chimica di minerali?
Sono tanto felice di aver visto il mio bambino.
Qualcuno ha il numero di una brava ginecologa?