diredonna network
logo
Stai leggendo: “Scelga Quale Gemella Fare Vivere!” La Storia di Una Mamma Coraggio Che Ha detto NO

Il raschiamento uterino è doloroso? Quando è necessario farlo?

Cosa significa avere un aborto interno

Tutto quello che è necessario sapere sulla RU486

L'Aborto Spontaneo, il Momento più Drammatico per una Futura Mamma

Aborti in Italia: Quanto è Garantito il Diritto a 38 Anni dalla Legge 194?

"La scelta migliore che potessi fare": Storie di Donne che Difendono l'Aborto

Dà alla luce un figlio dopo 6 aborti spontanei: il miracolo di Lorena e dei "tuorli d'uovo"

Parliamone! Lettera di Anna, Superare la perdita di un figlio con il ricordo nel cuore

Gravidanza: con l'Ibuprofene il rischio aborto può raddoppiare

Perché i pediatri dicono no a dieta vegana e vegetariana per i bambini

"Scelga Quale Gemella Fare Vivere!" La Storia di Una Mamma Coraggio Che Ha detto NO

Una storia di coraggio e amore infinito di una giovane madre per le sue gemelle.
(foto: Web)
(foto: Web)

Questa è la vera storia di una giovane mamma coraggio.

Le gemelle che Caramelle Harthgrove, 32 anni, portava in grembo avevano pochissime possibilità di sopravvivere.
Condividendo lo stesso sacco amniotico e la stessa placenta, i medici avevano previsto una situazione piuttosto grave, con i cordoni ombelicali delle due che si sarebbero aggrovigliati al punto di limitare il flusso dell’ossigeno e delle sostanze nutritive.

L’unica soluzione sarebbe stata abortire una delle gemelle, ma Caramelle si è rifiutata e ha vinto la sfida insieme alle sue due perle.

Carmelle è stata irremovibile, e non ha neanche dovuto discuterne con il marito: lei e Steve, 36 anni, che avevano già due figli, Charlotte di 12 anni e Callum di 9, erano totalmente d’accordo.
La probabilità di portare a termine la gravidanza con successo era inferiore al 30%, ma loro ce l’hanno fatta.
Caramelle ha partorito alla 32esima settimana e oggi le gemelline sono in perfette condizioni.

Charis Faith e Connie Grace.

La C che lega la madre a tutti i figli, e di secondo nome Fede e Grazia.

 

“Non potevo sopportare l’idea di dover dire alle persone che avevo perso le bimbe, quindi fino alla 24esima settimana non ho detto a nessuno che ero incinta: mi sono nascosta, ho anche lavorato da casa. Ma tutto alla fine è stato ripagato, ed è stato meraviglioso. Compreso vedere, quando erano neonate, che dormivano rannicchiate l’una accanto all’altra come facevano nel mio grembo. Ora dormono in letti separati, ma la mattina si arrampicano l’una sulla culla dell’altra per stare insieme”.

30% per lei è sempre stato più che sufficiente.
E aveva ragione.