diredonna network
logo
Stai leggendo: 10 Trucchetti per Insegnare Ogni Cosa ai Bambini Senza che se ne Accorgano!

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Come sconfiggere l'insonnia in gravidanza?

Perché è tanto importante il Test di Coombs?

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Caffè in gravidanza: fa davvero male al feto?

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

"Ecco le 10 cose che ho imparato dalla morte di mio figlio"

Malata di cancro, sacrifica la sua vita per dare alla luce sua figlia

"Perché non ho postato una singola foto della mia gravidanza sui social"

10 Trucchetti per Insegnare Ogni Cosa ai Bambini Senza che se ne Accorgano!

Ci piace insegnare cose nuove ai nostri figli ma certe volte si distraggono troppo dai vari giochi in casa: ecco perché il giusto approccio è quello di insegnargli qualcosa giocando! Con questi 10 trucchetti non solo lo farete divertite, ma alimenterete anche la sua curiosità di imparare.
Fonte: Web
Fonte: Web

Imparare qualcosa divertendosi? Sì può! Nei primi anni i genitori sono essenziali per l’educazione dei propri figli e, mentre ci sono alcuni nati con la voglia di imparare, altri fanno più fatica e tendono a distrarsi di più.

Ecco 10 trucchetti per insegnare qualcosa ai vostri bambini giocando, dalle cose basiche come allacciarsi le scarpe fino a leggere l’ora e imparare l’alfabeto ballando.

1. Che ore sono?

Fonte: momto2poshlildivas.com
Fonte: momto2poshlildivas.com

Imparare a leggere l’orologio non è cosa semplice per i bambini: un metodo divertente è usare le uova di plastica colorate! Su metà guscio scrivete l’ora digitale con i numeri e in un altra metà disegnate le lancette dell’orologio che segnano la stessa ora. Usate parti di uova diverse, così non ci sarà il vantaggio visivo di associare i colori. Toccherà al bambino riunire le due metà corrispondenti e così imparerà sia a leggere l’ora digitale che l’orologio. Divertente, no?

2. Allacciamoci le scarpe!

Fonte: pbs.org
Fonte: pbs.org

Disegnate su una tavoletta di cartone un paio di scarpe, non dovete essere Michelangelo, basta la sagoma. Con un paio di forbici appuntite create dei buchi in corrispondenza di dove dovrebbero essere gli occhielli e inserite una stringa possibilmente colorata. In questo modo vostro figlio potrà imparare ad allacciarsi le scarpe con tutta calma e potrà “allenarsi” in qualsiasi momento della giornata.

3. Tutto gira intorno al sole

Fonte: Fonte: creativekidsnacks.com
Fonte: Fonte: creativekidsnacks.com

Il sistema solare a volte risulta complesso anche per noi e allora perché non imparare insieme ai nostri figli la posizione dei pianeti con il cibo? Quest’idea è perfetta per una merenda sana e allo stesso tempo educativa. Una mamma ha creato questo snack tenendo conto del preciso rapporto di grandezza tra i vari pianeti del sistema solare e anche dei colori comunemente associati ad essi. Si comincia con la frutta e verdura: il Sole è una fetta di arancia o mandarino sbucciato e tagliato orizzontalmente, Mercurio è un acino d’uva rosso ma potrebbe essere sostituito anche da un lampone, la Terra è un verde kiwi, Marte è composto da una fragola tagliata in orizzontale e Venere è un pezzettino di sedano. Seguono Giove composto da una bella fetta di salame, Saturno con il suo anello è fatto di giallo cheddar, Urano è un formaggio a pasta bianca, Nettuno un pezzettino (proprio piccolo!) di prosciutto e infine Plutone, che non è più ritenuto un pianeta ma va comunque inserito, è fatto da un chicco di mais. E le stelle? Gocce di yogurt! Subito da provare!

4. Trova la lettera

Fonte: notimeforflashcards.com
Fonte: notimeforflashcards.com

Un’altro metodo divertente per insegnare l’alfabeto è quello di coinvolgere i vostri figli in un gioco in cui si possono anche muovere. Create con il nastro adesivo o con dei fogli delle lettere maiuscole da spargere sul pavimento di una stanza (non serve l’intero alfabeto, potete giocare con alcune lettere un giorno e con altre la volta dopo) e scrivetene il corrispettivo in minuscolo su dei fogli. Il gioco inizia chiedendo di partire dalla prima lettera del proprio nome, fate partire la musica e quando metterete stop avrete in mano uno dei foglietti e i bambini dovranno correre a cercare la lettera corrispondente. La musica riparte e si va avanti così a loro piacimento. Per bambini più grandi si può lavorare anche con parole intere invece di lettere sui foglietti e provare con lo spelling.

5. Gioco di colori

Fonte: estefimachado.com
Fonte: estefimachado.com

Potrebbe essere molto divertente costruire insieme al vostro bambino una lente per la rifrazione della luce, usando triangolini di fogli di plastica trasparente di diversi colori. Incollando sovrapposti i triangoli colorati tra di loro e indirizzando il cerchio verso la luce, potrete mostrare a vostro figlio le diverse sfumature e insegnarli come ottenere i colori secondari. Oltre che divertente è anche un carinissimo oggetto da tenere appeso in cameretta accanto alla finestra!

6. L’ ABC in tasca

Fonte: vk.com
Fonte: vk.com

Avete presente quei divertentissimi libretti che si aprono a fisarmonica che tanto fanno divertire i bambini? Potreste crearne uno che contenga tutto l’alfabeto! Costruirlo è molto semplice: prendete due bottoni grandi che serviranno da copertina del vostro libro, piegate un foglio di carta a fisarmonica e tagliate la carta in cerchi grandi quanto il diametro del bottone per creare le vostre pagine. Incollate la prima e l’ultima pagina ai bottoni e, utilizzando entrambi i lati della fisarmonica, scrivete tutte le lettere dell’alfabeto con pennarelli colorati. Una volta terminato, richiudetelo “a panino” e avrete un carinissimo alfabeto che vostro figlio potrà tenere sempre in tasca: a forza di giocarci vedrete come imparerà velocemente le lettere!

7. Aritmetica con i lego

Fonte: designyoutrust.com
Fonte: designyoutrust.com

Sapete che i mattoncini Lego non servono solo a creare fantastiche strutture architettoniche o a farci veramente tanto male quando per sbaglio ci mettiamo un piede sopra? Sono molto utili anche per insegnare l’aritmetica ai bambini come le addizioni e le frazioni.

8. Effetto domino

Fonte: notimeforflashcards.com
Fonte: notimeforflashcards.com

Bisogna approfittare anche dei momenti di gioco per insegnare qualcosa: il domino fatto in casa è l’idea giusta per insegnare a memorizzare le parole. Questo metodo di visualizzazione delle parole è usato per aiutare i bambini a leggere (oltre ai metodi tradizionali) attraverso le parole che si usano più di frequentemente. Bisogna tagliare dei fogli di carta in rettangoli e dividerli in due con un pennarello. Per iniziare partite con una ventina di parole e scrivetele sulle due metà dei rettangoli… Ora non resta che giocare! La competizione e lo spirito del gioco spingerà sicuramente vostro figlio a volere leggere sempre meglio le parole e a impararne il significato.

9. Unità di misura

Fonte: hippohoorayforsecondgrade/Web
Fonte: hippohoorayforsecondgrade/Web

“Mamma ma un chilogrammo è più grande o più piccolo di un grammo? E un etto?”: preparatevi, perché queste domande saranno continue durante gli anni scolastici se non si insegnano ai bambini sin da subito le diverse unità di misura. Il metodo più efficace è quello di fargli tastare con mano i diversi pesi in modo che se ne possano rendere conto e impareranno molto velocemente a distinguerli. Utilizzate delle semplici bustine trasparenti e scriveteci sopra la propria massa, poi riempitele per il corrispettivo peso di riso e lasciateli giudicare cosa pesa di più o di meno. Potete anche usare dei recipienti con diversi volumi per ampliare la lezione.

10. Colpito e affondato!

Fonte: boredpanda.com
Fonte: boredpanda.com

La tavola periodica è un incubo da imparare a memoria per tanti bambini, e se lo è per loro lo diventa anche per i genitori! Ma una mamma inglese ha scoperto come insegnare ai propri figli gli elementi facendoli divertire! La griglia della tavola periodica in effetti non vi ricorda vagamente il campo di battaglia navale? Il gioco e la competizione spingerà i bambini ad imparare gli elementi nel modo più veloce possibile… Per vincere!