diredonna network
logo
Stai leggendo: “Tu Non Puoi Allattare”: La Sentenza che Colpisce una Mamma con dei Tatuaggi

Come e perché conservare il latte materno

Sono una mamma cattiva e al Flash Mob per l'allattamento al seno non ci posso andare

Cosa sono le ragadi al seno e quali sono i modi migliori per prevenirle e curarle?

Tiralatte: quando serve e quale scegliere

Come affrontare l'ingorgo mammario

Paracapezzoli: A Cosa Servono e Quali Scegliere

Tutte le Mamme Possono Diventare "Nutrici" con la "Banca del Latte Materno"

Il Rigurgito del Neonato, Cosa lo Provoca e Come Rimediarvi

Allattamento Misto: Ecco Cosa Fare per non Sbagliare

Campagna Shock Brasiliana sull'Allattamento: Tuo Figlio è ciò che Mangi

"Tu Non Puoi Allattare": La Sentenza che Colpisce una Mamma con dei Tatuaggi

Una neomamma australiana si è vista vietare da un giudice di allattare suo figlio al seno perché si è fatta due tatuaggi. Secondo il padre avrebbe potuto essere pericoloso per la salute del piccolo.
Fontw: web
Fontw: web

Una corte australiana ha vietato a una giovane neomamma di 20 anni di allettare al seno il suo bimbo perché dal momento della nascita si è fatta due tatuaggi.

A domandare alla corte di analizzare il caso è stato il padre del bambino, separato dalla madre, sostenendo che facendosi dei tatuaggi la mamma ha esposto il piccolo al rischio di contrarre l’HIV, tramite il suo latte.

Nonostante la donna sia risultata negativa al test dell’HIV e anche a quello dell’epatite, la sentenza le ha vietato di allattare, perché secondo il giudice perché il test potrebbe essere un falso negativo oppure il virus potrebbe non essere ancora attivo e quindi rintracciabile nel sangue.

Inoltre il padre ha preteso la custodia del bambino.

Rebecca Naylor, un membro dell’Associazione Australiana per l’Allattamento, ha dichiarato che questa sentenza crea un precedente pericoloso per tutte le mamme, perché vorrebbe dire che potrebbe essere loro vietato di allattare al seno perché si sono esposte al rischio di contrarre qualche virus nel sangue.

La Naylor ha però anche aggiunto che il giudice ha fatto bene a muoversi per proteggere il bambino, che in qualità di “parte più debole” deve essere sempre tutelato, e che le mamme devono capire che nei primi mesi di vita sono loro la fonte di nutrimento per i loro figli e quindi devono stare attente, anche se non devono avvolgersi in un rotolo di pellicola per evitare qualsiasi contatto con il mondo.

Inoltre se un tatuaggio è fatto da un professionista, l’ago è disinfettato e l’ambiente pulito non ci sono rischi per la madre di contrarre qualche malattia e quindi nemmeno per il bambino.

La neomamma ha deciso di chiedere ricorso d’urgenza e la corte analizzerà nuovamente il suo caso nei prossimi giorni.

Voi che ne pensate di questa sentenza? È stato giusto impedire alla mamma di allattare? E del fatto che il padre abbia voluto la custodia?

Quello che è certo è che è un peccato sia per la mamma sia per il piccolo non poter sperimentare la bellezza e la tenerezza dell’allattamento al seno, come testimoniano queste foto:

aggiornamenti