diredonna network
logo
Stai leggendo: Anaffettività nel bambino: “non vuole fare le coccole”
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

Anaffettività nel bambino: "non vuole fare le coccole"

sono la mamma di Loris che ha 4 anni. il mio bambino è sano dal punto di vista fisico ma mi preoccupa il suo carattere perché è sempre sulle sue e non ama giocare con altri bambini e neppure con noi, ma preferisce stare da solo.
poi non gli piace essere abbracciato, non è mai affettuoso con me e il papà e anche con la sorellina o solo in poche occasioni.
io pensavo fosse solo il suo carattere un po’ chiuso ma le sue maestre mi hanno consigliato di chiedere un consulto, dicono che si isola troppo e che non è per niente affettuoso ma il nostro pediatra dice che non c’è bisogno. devo preoccuparmi? cosa può essere.

Domanda di Luana

La risposta dell'esperto

Buongiorno Luana, ogni bambino ha il suo carattere. Ci sono bambini più espansivi e bambini meno. Non farei paragoni con la sorella e mi fiderei del giudizio del pediatra che conosce Loris e ha avuto modo di valutarlo. I bambini vanno educati in casa all’affettività, ma non vanno mai forzati a manifestare gesti d’affetto non spontanei. Il fatto che rifiuti i vostri abbracci non vuol dire che non senta la necessità di attenzioni, ma forse bisogna solo cercare il modo giusto di interagire con lui. Non credo sia necessario far valutare Loris ad alcuno specialista.

Al contrario i genitori potrebbero rivolgersi ad uno psicoterapeuta per confrontarsi e ricevere consigli sulle possibili strategie da adottare per provare a stabilire una relazione con il bambino.
Cordiali Saluti

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Risponde Dottor Marco Nuara

Pediatra e Neonatologo

Domanda all'esperto

Medico Chirurgo Specialista in Pediatria e Neonatologia,
Perfezionamento in Allergologia, Immunologia e Gastroenterologia Pediatrica
Referente scientifico per Mammeepapa.it

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Consulta le risposte del Dottor Marco Nuara e degli altri esperti su: