diredonna network
logo
Stai leggendo: Gravidanza: con l’Ibuprofene il rischio aborto può raddoppiare

Il raschiamento uterino è doloroso? Quando è necessario farlo?

Cosa significa avere un aborto interno

Tutto quello che è necessario sapere sulla RU486

L'Aborto Spontaneo, il Momento più Drammatico per una Futura Mamma

Aborti in Italia: Quanto è Garantito il Diritto a 38 Anni dalla Legge 194?

"La scelta migliore che potessi fare": Storie di Donne che Difendono l'Aborto

"Scelga Quale Gemella Fare Vivere!" La Storia di Una Mamma Coraggio Che Ha detto NO

Dà alla luce un figlio dopo 6 aborti spontanei: il miracolo di Lorena e dei "tuorli d'uovo"

Parliamone! Lettera di Anna, Superare la perdita di un figlio con il ricordo nel cuore

Dissenteria in gravidanza: quando può essere pericolosa

Gravidanza: con l'Ibuprofene il rischio aborto può raddoppiare

In gravidanza l'ibuprofene, può raddoppiare il rischio di aborto. Meglio il paracetamolo.

NUOVO STUDIO. Uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal, ha stabillito che durante la gravidanza assumere l’ibuprofene, uno dei principi attivi più comuni negli analgesici, può raddoppiare il rischio di aborto.

 

Più sicuro il paracetamolo. Infatti su 4.700 donne esaminate che avevano abortito, 1 su 13 aveva preso un antinfiammatorio non-steroideo, come l’ibuprofene, contro 1 su 38 che aveva avuto una gravidanza normale. 

 

RISCHIO PER LA GRAVIDANZA
Precedenti studi avevano suggerito che l’uso di ibuprofene e simili, se presi nelle prime fasi della gravidanza, potessero aumentare il rischio di anomalie alla nascita. Gli scienziati infatti affermano: “Questi farmaci dovrebbero essere usati con attenzione durante la gestazione“.
Nell’ultimo studio , il rischio più alto di aborti registrato si è verificato con il diclofenac, un potente analgesicoJanet Fyle del Royal College of Midwives raccomanda “Dobbiamo consigliare alle donne, di evitare di acquistare antidolorifici da banco. Se una donna incinta ha bisogno di qualche analgesico, il paracetamolo è il più appropriato“.