logo
Stai leggendo: Come aiutare il mio bimbo allergico?
Pediatra

Come aiutare il mio bimbo allergico?

Francesca Calabria

chiede:

Salve, ho un bambino di 8 anni e da qualche mese abbiamo fatto le prove allergiche ed è risultato positivo.
Allergico alla polvere al cipresso e alla parietaria.
La polvere è quella che gli dà più problemi, in quanto non fa altro che grattarsi, in questo periodo ancora di più. Le braccia e le gambe sopratutto sono.piene di crosticine perché grattandosi esce anche un po’ di sangue. La mia pediatra mi ha prescritto delle gocce da dare 1 volta al giorno Formistin e una pomatina da mettere al momento del prurito. L’allergia non gli provoca crisi d’asma o altro, ma non riesce a dormire bene la notte. Potrebbe darmi qualche altro consiglio su come aiutarlo??
La ringrazio in anticipo.

Dr. Marco Nuara

risponde:

Buongiorno, l’allergia si può manifestare in modi diversi. Uno di questi può essere la dermatite. Per il prurito intenso concordo con l’indicazione alla somministrazione di antistaminico in gocce. Tuttavia è impensabile proseguire la terapia a vita. Pertanto è necessario provvedere ad una bonifica ambientale adeguata, soprattutto adottando copri materasso e copri federa anti-acaro e intraprendere una cura della pelle del bambino. Consiglio di adottare detergenti per il corpo e per il bucato più delicati possibile. Applicare crema emolliente al bambino quotidianamente. Applicare creme cortisoniche al bisogno ove egli avvertisse prurito intenso e manifestasse arrossamento cutaneo e lesioni da grattamento. Oltre a questi provvedimenti è possibile intraprendere una terapia desensibilizzante, prescrivibile dallo specialista allergologo, che induca la tolleranza agli allergeni a cui il bambino si è sensibilizzato. Quest’ultima, è l’unica terapia non solo sintomatica, ma anche curativa dell’allergia. Cordiali Saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento