logo
Stai leggendo: “Perché non voglio avere un figlio?”

"Perché non voglio avere un figlio?"

Federica

chiede:

Buongiorno,
chiedo scusa per il disturbo, ho 27 anni e sono sposata da 1, un lavoro molto stressante ma senza vincoli di orario e una situazione economica stabile. Non ho mai pensato di non voler figli, anzi, ma da quando mio marito ha espresso il volere di diventare padre io ho un vero e proprio rigetto al pensiero di averne.

Sono diventata zia da poco e questo ha peggiorato le mie paranoie sull’incapacità di saper crescere un figlio soprattutto perché non mi sono mai rapportata con dei neonati in precedenza. Non riesco a capire perché ora odio così tanto l’idea di diventare madre. Devo ammettere che spesso guardo accessori e vestiti per bambini ma come le nostre famiglie ci chiedono quando avremo un figlio il mio primo pensiero è “Oddio non lo voglio“.

Non riesco a capire cosa mi sta succedendo e non riesco a uscire da questa situazione per quanto mio marito, dopo avergli esposto tutto, ha compreso e accantonato l’idea. Grazie mille e mi scuso ancora del disturbo.

Cara Federica,
innanzitutto, ci tengo a dirti che non tutte le donne devono per forza avere un desiderio innato di essere mamme. La donna, come essere indipendente, può avere varie aspirazioni: c’è chi sogna fin da piccola di occuparsi della casa e della famiglia, chi decide di passare la propria vita viaggiando, e chi vuole diventare una “business woman” dedicando tutta la sua vita al lavoro.

Tutto ciò per rassicurarti sul fatto che se non vuoi bambini, non è perché c’è qualcosa che non va in te, anzi. Semplicemente… non ne senti il bisogno attualmente perché sei molto giovane o forse non lo sentirai mai. Come te, ce ne sono molte altre di donne che decidono di non avere figli!

Probabilmente è da quando tuo marito ti ha chiesto di avere dei bambini che hai iniziato a mettere in dubbio la tua scelta di non diventare mamma. Oppure ha solo innescato in te una serie di paure ed ansie che ti hanno spinto ad avere un atteggiamento reattivo di rifiuto. In una coppia è fondamentale capire i bisogni e le volontà dell’altro e trovare dei compromessi che mantengano stabile il vostro rapporto. Su questo, mi pare che tu non abbia avuto difficoltà poiché tuo marito ha compreso e accettato la tua idea.

Cosa da non sottovalutare! È un ottimo segno, legato alla sua sensibilità, empatia ed affetto per te. Per ultimo, ma non meno importante, c’è una cosa che voglio dirti: nessuno nasce imparato! Abbiamo imparato a camminare cadendo tante volte e abbiamo iniziato a scrivere facendo di errori di grammatica. Ricordati che nessuno è incapace di crescere un figlio poiché si tratta di abilità che si sviluppano una volta sperimentato l’essere mamma.

Non farti paranoie su questo, non c’è una scuola per diventare mamme e non è mai troppo tardi per iniziare a rapportarsi con un bambino. Hai ancora tutto il tempo per riflettere su te stessa, sul tuo ruolo ed i tuoi obiettivi!

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento