logo
Galleria: Il set di mattoncini da funerale esiste per parlare ai bambini di morte e lutto

Il set di mattoncini da funerale esiste per parlare ai bambini di morte e lutto

Il set di mattoncini da funerale esiste per parlare ai bambini di morte e lutto
Foto 1 di 8
x

Ci sono set di mattoncini per molte occasioni e per tutte le passioni. Da quelli che ricreano la Morte Nera di Star Wars, a quelli ispirati alla saga di Harry Potter oppure a Batman, o che ancora riproducono in una scala perfetta i più celebri monumenti del mondo. E ora è nato un set per insegnare la morte ai bambini: lo ha creato il Bestattungsmuseum, il museo funerario del cimitero centrale di Vienna, come riporta BoredPanda. Lo scopo è quello di aiutare i giovani visitatori a capire meglio una tematica così tanto complessa.

In effetti, anche i più piccoli comprendono questo concetto, il concetto della morte – che si parli del nostro animale domestico, o del nonno – i bambini capiscono il lutto e tutto quello che ruota intorno a esso, ma non lo afferrano del tutto. Perché, come nell’epopea di Gilgamesh, quando si è giovani la morte non appare mai reale, almeno finché non ci tocca. Ed è per questo che noi adulti finiamo per dire ai bimbi che il nonno è andato in un posto migliore, o che il gatto è andato a svernare in una fattoria con tanti altri animali. Ma se ci fosse un modo per rendere tutto più semplice? Se ci fosse un modo per insegnare che la morte fa parte della vita ed è un processo assolutamente naturale?

Lego, in arrivo i mattoncini di plastica vegetale

Lego, in arrivo i mattoncini di plastica vegetale

È questa l’idea alla base del set di mattoncini a tema funebre. E in cui vengono proposti diorami a base di mattoncini che riproducono scene di sepoltura o di tumulazione, ma c’è anche un carro funebre – sia a motore sia trainato da cavalli – e anche vari personaggi, dagli impresari di pompe funebri ai parenti in lacrime, fino ai cadaveri nei loro progressi di decomposizione (ecco, forse quest’ultima idea potrebbe apparire morbosa, ma magari qualche genitore vuole dare un approccio scientifico alla questione).

Sfogliamo insieme la gallery per saperne di più.