logo
Galleria: 11 immagini che catturano l’orrore dell’aborto illegale

11 immagini che catturano l'orrore dell'aborto illegale

Escamotage per l'aborto illegale (e non solo): un reportage fotografico di Laila Abril mostra cosa significa per le donne questa orribile pratica nel mondo.

11 immagini che catturano l’orrore dell’aborto illegale

11 immagini che catturano l'orrore dell'aborto illegale
Foto 1 di 12
x

Molte, tra le nostre madri e le nostre nonne, conoscono dei racconti horror relativi all’aborto illegale in Italia. Prima della legge 194, le donne si rivolgevano alle cosiddette mammane quando non potevano portare a termine la gravidanza. E ancora oggi, in alcuni Paesi del mondo in cui manca una legge come la nostra, le donne devono ricorrere a questi orrori che ne compromettono la salute a talvolta ne causano anche la morte.

L’artista Laia Abril ha realizzato così un progetto fotografico, dal titolo “Sull’aborto”, che racconta attraverso immagini e parole le storie di donne che ne hanno ricevuto uno senza metodi legali e sicuri. Il progetto sull’aborto illegale è contenuto su un lavoro più ampio, che si intitola “Una storia della misoginia”. Si tratti di una realtà che è giusto conoscere, anche se ci rendiamo conto della durezza concettuale di questa pratica, ma è utile vedere ciò che un’assente o scarsa legislazione su questo tema può provocare.

8 storie vere di aborto prima della legalizzazione

8 storie vere di aborto prima della legalizzazione

Sebbene il tono delle immagini tenda a essere abbastanza sobrio – spiega l’artista, che da sempre si occupa di ogni risvolto della femminilità a BuzzFeed – le storie sono brutali. Ciò che accade non può essere mascherato, ma è comunque invisibile, scomodo e spesso pericoloso da mostrare per le vittime. Comunque è estremamente importante per me che le persone sappiano cosa sta accadendo. Per vedere, in qualche modo, cosa accade e conoscere quali ripercussioni seguono la negazione di questi diritti. Ci sono dirette ripercussioni nelle vite di migliaia di persone.