logo
Galleria: Perché deve scegliere se può essere più cose insieme? 11 foto di una mamma

Perché deve scegliere se può essere più cose insieme? 11 foto di una mamma

Perché deve scegliere se può essere più cose insieme? 11 foto di una mamma
Foto 1 di 12
x

«Puoi fare tutto». È questo il messaggio molto interessante e molto importante che scaturisce da un servizio fotografico realizzato dalla fotografa (e mamma) Heather Michell. La professionista è partita da una riflessione davvero speciale: diciamo ai nostri figli che possono essere qualunque cosa senza distinzione di genere, ma diciamo mai loro che possono essere più cose insieme? A titolo esemplificativo: una ragazzina può essere una principessa, prendere il tè con il suo orsacchiotto o con Me, Myself and I – come recita la famosa filastrocca – ma può anche rotolarsi nella terra per afferrare al volo una palla da baseball e portarla a casa base. Una ragazzina può amare i vestiti in tulle e desiderare di indossare un camice per lavoro da grande – come quello dei ricercatori, degli scienziati e dei medici.

Nella corsa contro gli stereotipi, forse ci stiamo dimenticando una cosa fondamentale: ogni essere umano è un mosaico di preferenze e scelte, e i nostri figli non fanno differenza. Anzi, perché scegliere quando puoi fare tutto (e questo vale anche per gli adulti che ne hanno la possibilità)? Heather Mitchell, che ha tradotto in immagini questo pensiero, ha uno studio in Alabama. Tutto è cominciato durante una partita di baseball cui stava prendendo parte sua figlia Paislee: mentre la mamma fotografa esprimeva il desiderio che si appassionasse al gioco perché è atletica, un’altra le faceva notare che non è atletica ma femminile.

La prova che anche le bambine possono sognare di fare le piratesse

La prova che anche le bambine possono sognare di fare le piratesse

Non ho potuto dormire quella notte – ha rivelato a BorePanda – Tutto quello a cui potevo pensare era: perché dobbiamo scegliere? Ho giocato a ogni sport che si poteva praticare nella mia scuola e ho indossato il rossetto a ogni partita. Così, il giorno dopo, siamo andati in studio e creato questo progetto. Ci ho impiegato solo 3 minuti a scattare, perché sapevo esattamente quello che volevo.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire il progetto Puoi fare tutto.