logo
Galleria: Serena Williams e le altre star che hanno raccontato il lato oscuro di essere madri

Serena Williams e le altre star che hanno raccontato il lato oscuro di essere madri

Serena Williams è l'ultima mamma celebre a raccontare i momenti difficili che possono seguire un evento lieto come il parto. Difficoltà come la depressione port-partum, un nemico che, anche grazie alle testimonianze vip, oggi non è più un tabù.

La maternità, il momento più bello per una donna. Quello in cui ciascuna si sente finalmente realizzata. Il momento in cui si diventa complete.

Certo, l’archetipo “maternità=massima realizzazione femminile” è duro a morire, alla pari di quello che vuole il matrimonio come “giorno più importante della vita”. Alla faccia di chi non ha la minima intenzione di convolare a giuste nozze, destinata evidentemente a un’esistenza di infelicità, oppure a chi realizzata lo è già, e pienamente, anche senza un pargolo ad allietare le giornate. Blasfemia, secondo lo stereotipato pensiero tradizionale, ma la verità, che piaccia o no, è che essere madre non è affatto facile né scontato.

E non solo per le notti in bianco, o per il carico – immenso – di responsabilità, ansie, timori che comporta il doversi prendere cura di una creatura che, dalla nascita, dipende totalmente da te; essere madri è difficile psicologicamente, emotivamente, interiormente.

Solo da pochissimo tempo è stato sdoganato il tabù della depressione post partum o del baby blues, da quando anche le celebrity ne hanno iniziato a parlare come una conseguenza, non sempre ovvia ma certamente possibile, della maternità.

Non è più una vergogna, dunque, dichiararsi “infelici” dopo il parto; smarrite, impreparate, inconsapevoli di ciò che ci aspetta. Se servono le vip ad abbattere il muro di imbarazzo e di vergogna sulle mamme che non riescono a godere appieno della propria maternità perché depresse, ben venga.

L’ultima, in ordine di tempo, è stata Serena Williams, mamma dal 1° settembre 2017 della piccola Olympia; in un’intervista concessa a Vogue, la tennista, già rientrata in campo a pochi mesi dal parto, ha raccontato dei momenti “bui”, quelli in cui non riesce a essere felice, neppure con accanto la sua bimba. Nella sua confessione pubblica la campionessa di tennis non ha parlato specificatamente di depressione post-partum, ma di un periodo molto difficile vissuto nei due mesi dopo la nascita della sua bambina: “A volte mi sentivo davvero giù e pensavo ‘Dio, non ce la faccio’. Mi sono sentita spezzata a metà non so quante volte. O arrabbiata, perché lei piangeva, e quindi colpevole perché mi dicevo ‘Ma hai una bambina bellissima, perché ti senti così triste?'”. La confidenza di Serena ha scatenato un moto di condivisione nelle altre madri, che hanno tempestato i social per raccontare le loro storie, togliendo finalmente quel “velo di Maya” su un problema che c’è, esiste e non è giusto rinnegare definendolo “contro natura”. Non lo è, e Serena, da donna coraggiosa quale è, ha capito di non doversene vergognare, ma di doverlo affrontare a viso aperto. Parlandone, in primis.

Le condivisioni che ha raccolto il suo sfogo l’hanno sorpresa, in un primo momento, e poi convinta a farsi da portavoce per tutte le donne che, da madri, non si sentono sempre felici.

Continuate a raccontare queste storie – ha scritto in una didascalia che accompagna un video con Olympia, su Facebook – Aiuta noi e tutte le altre donne. Le nostre voci sono potere.

Ma Serena, lo abbiamo detto, è solo l’ultima delle mamme celebri che ha confidato di aver sofferto di depressione post-partum. Ecco quali sono le altre.

Serena Williams e le altre star che hanno raccontato il lato oscuro di essere madri

Serena Williams e le altre star che hanno raccontato il lato oscuro di essere madri
Foto 1 di 9
x
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...