diredonna network
logo
Stai leggendo: Un’Idea per Scegliere il Nome del Tuo Bambino

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

Malata di cancro, sacrifica la sua vita per dare alla luce sua figlia

Fare la madre surrogata può essere un lavoro?

Quei "figli a tempo", orfani due volte: la legge che lascia i bambini senza famiglia

A 18 mesi fa acroyoga con la mamma: il video diventa virale

"Sono incinta e il mio ragazzo non vuole il bambino: lo tengo lo stesso?"

Come sconfiggere l'insonnia in gravidanza?

Un'Idea per Scegliere il Nome del Tuo Bambino

La scelta del nome per il neonato è un momento delicato, ma ecco dall'Istat uno strumento che può essere d'aiuto: un contatore che indica quali sono i nomi più diffusi in Italia, dal 1999 a oggi!
(Foto: Web)
(Foto: Web)

Uno dei momenti più complicati ma al tempo stesso emozionanti per una futura mamma e un futuro papà è quello della scelta del nome per il bebè.

Sembra quasi di vederli, mentre si preparano per un confronto epocale, lei sdraiata sul divano, con le mani sul pancione, mentre ripete mentalmente la sua rosa di nomi preferiti, lui che cammina avanti e indietro sul tappeto, deciso a non cedere.

Che il nome sia per un maschietto o per una femminuccia, lo scontro sarà senza dubbio lungo e faticoso (e col senno di poi anche un po’ ridicolo).

Vengono scartati tutti i nomi che possono suonare strani se abbinati al cognome, tutti quelli che possono degenerare in nomignoli sgradevoli, quelli che ricordano un parente sgradito, un’ex da cancellare per sempre o un amico di infanzia insopportabile.

Lui propone il nome del suo mito sportivo, lei di quel personaggio che ama tanto nel suo libro preferito.

Alla fine, dopo ore di discussione, il nome viene trovato e miracolosamente accontenta tutti e due.

Ma alt! Una nuova domanda sorge: e se il nome prescelto fosse troppo comune?

Rassicuratevi, futuri genitori: innanzitutto non tutti ci impiegano delle ore a scegliere il nome del nascituro e si trovano d’accordo senza troppa fatica; poi, grazie all’Istat, è possibile sapere quanto un nome è popolare.

Infatti l’Istat, l’istituto nazionale di statistica, dispone di un contatore dei nomi per anno di nascita; in questo modo è molto semplice sapere se il nome per cui si ha optato è poco o molto diffuso.

Basta collegarsi a questa pagina sul sito dell’Istat e inserire il nome e il sesso del neonato per sapere la serie storica del numero di nati iscritti in anagrafe con quel nome, dal 1999 all’ultimo anno disponibile.

Sono poi presenti le graduatorie dei nomi più diffusi ogni anno.

Per esempio il nome maschile più diffuso del 2013 è Francesco, insieme ad Alessandro ed Andrea, mentre per le femmine è Sofia, con Giulia e Aurora.