logo
Galleria: 15 foto in cui le mamme di tutto il mondo mostrano cos’è davvero il post partum

15 foto in cui le mamme di tutto il mondo mostrano cos’è davvero il post partum

15 foto in cui le mamme di tutto il mondo mostrano cos’è davvero il post partum
Foto 1 di 15
x

Le settimane che seguono la nascita di un bambino sono sempre molto concitate, e per le neomamme spesso sono foriere di pensieri tristi e di momenti difficili. La gioia di tenere finalmente stretto quel piccolo fagottino che per nove mesi hanno portato in grembo può venir sopraffatta da sentimenti negativi che molto spesso hanno a che fare con gli ormoni ancora in circolo. Non a caso, si parla sempre più spesso di baby blues – una lieve forma di depressione che colpisce moltissime donne dopo aver partorito – per sensibilizzare sull’argomento e far sì che le neomamme si trovino preparate ad affrontare questa situazione.

Tra i sentimenti che più frequentemente colpiscono le mamme nelle settimane successive al parto, oltre all’inadeguatezza per il nuovo ruolo materno, c’è una specie di avversione per il proprio corpo. Smagliature che ricoprono la pancia, addome gonfio e segnato da cicatrici, cellulite e ritenzione idrica che affiorano sulle cosce: molte donne sono afflitte da questi inestetismi che, dopo la gravidanza, sembrano non volersene andare. I segni della maternità, molto spesso, rimangono a lungo sul corpo di una donna e accettarlo può essere molto difficile.

Anche gli angeli di Victoria's Secrets hanno pancia, smagliature e paure dopo il parto

Anche gli angeli di Victoria's Secrets hanno pancia, smagliature e paure dopo il parto

D’altronde, vedere neomamme in forma smagliante a pochi giorni dal parto – soprattutto tra i vip – è prerogativa comune sui social network, cosa che aumenta il senso di inadeguatezza delle mamme comuni, alle prese con le difficoltà di tutti i giorni. Per fortuna, negli ultimi anni è in crescita la tendenza a mostrare la realtà dei fatti: sono molte le donne che si fanno vedere apertamente online con tutte le imperfezioni del caso, un passo importante verso l’accettazione di se stesse.

È molto importante imparare ad amare il proprio corpo anche in questa sua nuova forma, perché è grazie ad esso se una neomamma ha potuto finalmente stringere a sé il proprio bambino.

Come tante altre donne prima di lei, anche la blogger americana Meg Boggs ha dovuto affrontare gli inevitabili cambiamenti del proprio corpo durante la sua prima gravidanza. Quando ha scoperto di essere incinta, Meg aveva appena raggiunto un traguardo importante: aveva perso molti chili, grazie a una dieta sana e a tanto allenamento in palestra. Era al top della sua forma fisica, ma la gravidanza l’ha portata a riprendere la maggior parte del peso che aveva perso nei mesi precedenti.

Dopo il parto, la situazione non è migliorata. E a tutto questo ha dovuto aggiungere i tanti commenti – non richiesti – di chi l’ha giudicata per il suo peso, per la sua pancia.

Visualizza questo post su Instagram

The amount of heartfelt messages that I’ve received over the last few days has filled my heart in ways that I can barely describe. From the kind wishes and prayers about my surgery to those that reached out about the #this_is_postpartum movement. I’m bringing back this post today to say thank you! And to let you know that it’s not too late to post. I’ve been sharing as many as I can in my stories and while I had a slight break yesterday for my surgery, I’m hoping to share more! So many of the conversations I’ve had about this movement have been about the fear of what others will think or what they will say in response. Here are my thoughts: They. Don’t. Matter. There will always be people who have something to say and make assumptions based on first glance. I used to let it bother me at first until I finally stood up and shouted... They! Don’t! Matter! Your story is worth being heard and shared in whatever way you want to share it. You are allowed to open your heart and express yourself whether that’s through a vulnerable photo or through your words. You don’t need to worry about someone who drinks haterade for breakfast and is nothing but a keyboard warrior. Because... They. Don’t. Matter. I’m here for you. This community is here for you. And if sharing is what your heart is aching to do and something that will bring you peace, please don’t let anyone hold you back! Use the hashtag #this_is_postpartum so I can support you as well as all of the other mamas who are sharing and have joined in! Read through the hashtag for a beautiful boost in confidence, there are now over a thousand posts! You got this, mama! Ps. In case no one has told you today, you’re a beautiful warrior goddess of a mother, hot mess t-shirt stains and all! Own it! 😘 #tbtmomstyle • Tank: @themomculture

Un post condiviso da Meg Boggs (@meg.boggs) in data:

Meg Boggs ha deciso di raccontare la propria esperienza sul suo profilo Instagram, lanciando l’hashtag #this_is_postpartum. Centinaia di foto la mostrano con tutte le sue imperfezioni, durante il lungo viaggio che è la maternità. Tra ansie e dubbi, sorrisi immensi e tristezza improvvisa, Meg affronta la sua nuova vita da mamma con la consapevolezza di essere solamente se stessa, non importa ciò che pensano gli altri.

E con la sua storia vuole spronare altre neomamme a non sentirsi inadeguate, a non abbattersi, a chiedere aiuto se necessario. Perché ammettere di non riuscire da sole non è un fallimento, bensì una conquista.

Centinaia di mamme da tutto il mondo hanno risposto all’appello di Meg Boggs: su Instagram, con l’hashtag #this_is_postpartum, sono comparse tantissime foto che mostrano la realtà che si cela dietro il delicato momento che segue il parto. Foto di smagliature e di pance flaccide, di mamme in preda a una crisi d’ansia e di donne che stringono i denti e vanno avanti, di allattamento al seno e con il biberon, di notti insonni e di giornate lunghissime. Ma anche di bellissimi sorrisi e di abbracci e baci ai propri bambini, di momenti di condivisione con il proprio partner e di immensa soddisfazione per quel che si è, a prescindere da tutto.

Nella nostra gallery abbiamo raccolto alcune delle immagini più significative che raccontano il vero volto del post partum: