logo
Galleria: “Per favore, smettete di dire a mia figlia che è la sorellastra di sua sorella”

“Per favore, smettete di dire a mia figlia che è la sorellastra di sua sorella”

"Per favore, smettete di dire a mia figlia che è la sorellastra di sua sorella"
Foto 1 di 11
x

«Sorellastra» è il termine che solitamente utilizziamo per indicare una persona che, con un’altra, condivide lo stesso padre o la stessa madre. Il suono però non è quello di una bella parola, sarà la desinenza che solitamente ha un valore dispregiativo, sarà per via del ruolo delle sorellastre nelle fiabe. Ma la verità è che quelli che vengono detti mezzi-fratelli sono in realtà fratelli e basta, perché condividono affetti e quotidianità, litigi compresi. Un po’ come accade alle figlie di Rachel Sobel, una blogger che ha affidato il proprio sfogo a BoredPanda. Nella corsa ad affibbiare etichette agli altri, si rischia di far soffrire due bimbe che si vogliono follemente bene e naturalmente la loro mamma.

7 cose che solo chi è gemello capirà

7 cose che solo chi è gemello capirà

Il divorzio – scrive Rachel su BoredPanda – e la fusione di una famiglia arrivano con tutta una serie di situazioni imbarazzanti. È una dinamica disordinata e qualche volta non capita da quelli che non la vivono. Alcune persone sono gentili, altre sono orribili, e alcuni sono invadenti – sia che lo facciano apposta o che lo facciano distrattamente. Sono una donna adulta e posso gestirlo. L’ho sopportato per anni. Ciò che non posso sopportare, tuttavia, è quando qualcuno fa sentire i miei figli come fossero me**a in qualsiasi parte di questa dinamica. La gente, sia quella che conosciamo sia quella che non conosciamo, cerca di qualificare la relazione tra i miei figli, e succede più spesso di quello che potete immaginare. Vedete, dopo il mio divorzio, mi sono risposata e ho aggiunto un’altra bimba alla nostra cricca. Mentre condivido la custodia della mia figlia più grande con il mio primo marito – il suo papà – le mie ragazze sono così vicine e si adorano l’un l’altra come se fossero insieme ogni giorno. La mia primogenita non potrebbe essere più graziosa, materna e amorevole. La differenza di età di 8 anni mi aveva lasciato domande e preoccupazioni, ma era una mia insicurezza e nevrosi. Sono il miglior tipo di sorelle. La più grande è protettiva e la più piccola è la sua ombra. Si adorano follemente e anche io adoro loro e la loro relazione. Comunque, ci sono persone là fuori che sentono ci sia il bisogno di ricordare alla mia figlia più grande che la piccola è la sua sorellastra. Mentre quel termine potrebbe essere scientificamente accurato, non potrebbe essere una rappresentazione più travisata del loro legame. Sembra dispregiativo. Ogni volta che la parola sorellastra rotola fuori casualmente dalla lingua di qualcuno, come se si stesse ordinando il caffè del mattino, mia figlia maggiore si arrabbia. Mi chiede perché la gente continua a dirlo e cosa significhi per loro, e cerca spunti su come dovrebbe sentirsi riguardo a sua sorella. È sconvolgente, esasperante e francamente meschino. Perché qualcuno deve insistere su qualcosa di così insignificante da metterla in discussione? Noi non usiamo il termine sorellastra perché queste bimbe non sono sorelle a metà. Sono sorelle in tutto e per tutto, che si amano con tutto il cuore. Giocano, litigano e si dimostrano affetto come sorelle. Certo, non hanno lo stesso padre, ma questo non ha alcun peso sul loro legame. Il fatto è che questo era fuori dal loro controllo. Loro hanno assunto il ruolo di sorelle in maniera così naturale e amorevole, e allora perché ogni altra persona non può accettarlo e seguire l’esempio? Le mie figlie sono sorelle. Punto. Non hanno bisogno che la gente evidenzi costantemente la complessità del loro corredo genetico. Le mamme come me lavorano duramente ogni giorno per facilitare relazioni salutari e forti all’interno delle loro famiglie. Così quando gli altri cercano di indebolirle, stanno sminuendo le circostanze con cui le mie figlie sono venute al mondo. Così, per favore, pensateci due volte prima di dire qualcosa sulla dinamica relazionale di qualcun altro, perché alla fine della giostra siamo una famiglia normale – proprio come la vostra.

Sfogliate la gallery per conoscere meglio la storia di questa fantastiche sorelle.