La modella plus size Hunter McGrady è incinta del suo secondo figlio (a distanza di 14 mesi dal parto del primo, Hudson) e ha condiviso la sua incredibile felicità con tutte le persone più care e con i fan. Questo lieto evento ha riportato alla luce quanto detto dalla stessa McGrady un anno fa in merito alla sotto-rappresentazione delle donne incinte plus size.

All’epoca del suo appello online nel 2021, McGrady era incinta di Hudson e il tema della sotto-rappresentazione delle donne plus size in gravidanza le stava molto a cuore. Ancora oggi le sue parole sono incredibilmente vere e danno molto da pensare riguardo ai vari costrutti sociali e a ciò che è comunemente considerato “giusto” o “deplorevole”.

Il messaggio forte (e necessario) di Hunter McGrady

“Per le taglie forti la rappresentazione è già incredibilmente scarsa. Ma per le taglie forti incinte? Dimenticatevela”, ha esordito la modella. “Quando ho intrapreso questo viaggio, ho cercato con entusiasmo su Google informazioni sulla gravidanza per taglie forti, le foto del pancione, gli sviluppi nel corso dei mesi, e via dicendo. Tuttavia, non mi sono mai vista rappresentata“.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Hunter McGrady (@huntermcgrady)

E ha continuato: “Sapevo che rimanendo incinta il mio pancione non sarebbe stato perfettamente rotondo, sapevo che il mio corpo avrebbe subito una profonda trasformazione come mai era avvenuto prima. Eppure non saprei dire se fossi preparata a quanto massiccia sia la sotto-rappresentazione della gravidanza plus size”.

"Ho smesso di fare la guerra al mio corpo": parola di Julia, ballerina plus-size

Una condizione che, di certo, impedisce a molte donne con taglie forti di sentirsi felici e soddisfatte del proprio percorso verso la maternità e delle proprie meravigliose trasformazioni fisiche. “Non ci sono donne incinte con taglie forti sulle copertine delle riviste, nelle pubblicità, in televisione, o negli opuscoli che si trovano dal ginecologo. È quasi come se non esistessimo, come se fossimo un’anomalia”.

McGrady ha poi voluto rivolgere un messaggio di stima e vicinanza emotiva a tutte quelle donne che, come lei, devono affrontare ogni giorno lo stigma dell’essere sovrappeso e si che sentono ignorate dalla società. “Sono qui per dirti che non sei “una tantum”, non sei sbagliata”, ha dichiarato la modella. “A qualunque tappa del viaggio tu sia, ricorda che sei degna di viverlo e di goderti ogni momento, proprio come chiunque altro”.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!