logo
Stai leggendo: “Ne Avevo Davvero Bisogno”. Le Strane Voglie Che Hanno Rischiato Di Uccidere Jenny e il Suo Bimbo Durante La Gravidanza.

"Ne Avevo Davvero Bisogno". Le Strane Voglie Che Hanno Rischiato Di Uccidere Jenny e il Suo Bimbo Durante La Gravidanza.

Le voglie che Jenny Mason si è ritrovata a provare durante la gravidanza hanno rischiato di ucciderla. Dapprima l'imbarazzo l'ha spinta a tenerle nascoste, poi ha scoperto che si trattava di una malattia riconosciuta. Ecco quello che la donna non riusciva a smettere di mangiare.
Fonte: web
Fonte: web

Quelle di noi che hanno già affrontato delle gravidanze sanno bene che a volte può capitare di avvertire strane voglie alimentari, che costringono i nostri uomini alla disperata ricerca di frutti esotici a dicembre o di supermercati aperti nel cuore della notte. In fondo si è disposti a tutto per il benessere della madre e del bambino. Tuttavia, le voglie che ha soddisfatto Jenny Mason durante la sua gravidanza non le hanno giovato affatto, anzi: hanno rischiato di ucciderla e con lei il bambino che portava in grembo.

Niente dolci o combinazioni stravaganti, quello di cui Jenny moriva dalla voglia di assaggiare erano materiali assolutamente non commestibili, come mattoni, terra e sabbia. La trentenne di Liverpool si è ritrovata a sperimentare questa inusuale ossessione e l’ha nascosta a tutti, compreso il proprio fidanzato, di cui sfruttava le assenze per raschiare le pareti di casa. Ogni giorno assumeva regolarmente la sua dose d’intonaco o sfruttava le passeggiate con il cane per mangiare la sabbia della spiaggia, incapace di smettere. Anche la terra rientrava nel menù, proveniente dal proprio giardino o acquistata in negozi di giardinaggio.

“Lo facevo anche quando il mio ragazzo era a letto, nell’oscurità. Speravo che i vicini non mi vedessero.”

Fonte: web
Fonte: web

È stato solo quando il fidanzato, il trentunenne Stephen Connor, ha iniziato a notare lo stato consumato dei mattoni delle pareti esterne di casa e ha dichiarato l’intenzione di lamentarsene con il padrone di casa, che Jenny ha infine confessato tutto, dopo sei mesi in cui lo teneva nascosto. È stata così diagnosticata alla donna una patologia nota come picacismo, che comporta per l’appunto un disturbo del comportamento alimentare, che porta a ingerire sostanze non commestibili e che spesso interessa proprio le donne incinte. Si tratta di una problematica che può avere conseguenze molto gravi, infatti Jenny si è ritrovata ad affrontare non pochi problemi legati ai propri denti e al proprio intestino, messi in pericolo dalle sostanze nocive che ingeriva. Inutile dire che anche per il bambino che portava in grembo, questa alimentazione era tutt’altro che salutare.

Il disturbo si è protratto fino ai tre mesi successivi al parto, per poi sparire spontaneamente. Jenny, a quel punto, vincendo l’imbarazzo che l’aveva costretta a nascondere la propria storia, ha deciso invece di portarla alla luce, per essere così di aiuto a tutte quelle donne che potrebbero ritrovarsi nella sua stessa situazione.

“Ora la cosa mi sembra non abbia più senso, eppure mi pareva normale al momento, perché ne aveva davvero bisogno.”

 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...