Un recente studio statunitense ha rilevato che il 66% dei genitori che lavorano è soggetto a parental burnout, un termine non clinico che fa riferimento a un profondo esaurimento fisico ed emotivo dovuto alla grossa mole degli impegni genitoriali unita a quelli del lavoro.

Lo studio, portato avanti dai ricercatori dell’Ohio State University, si è basato su un sondaggio online che ha interessato 1.285 genitori lavoratori, ed è stato condotto tra gennaio 2021 e aprile 2021. Nonostante il sondaggio sia stato fatto in piena pandemia, quando il livello di stress era molto alto, i ricercatori ritengono che questo parental burnout sia destinato a durare. Questo perché i genitori che lavorano non hanno abbastanza supporti pratici e strutturali per gestire i propri figli al meglio.

“Il parental burnout non finirà magicamente al termine della pandemia”, ha affermato Bernadette Melnyk, preside del College of Nursing dell’Ohio State e co-autrice dello studio. “Il prolungarsi della pandemia ha spinto molti genitori oltre i propri limiti e servirà loro del tempo per riprendersi”.

Burnout da smart working, se il lavoro da casa diventa un "never-ending working"

I sintomi del parental burnout e come combatterlo

I sintomi del parental burnout sono molteplici. Secondo la neurologa Puja Aggarwal, “può manifestarsi con l’allontanamento emotivo da tuo figlio o con una crescente irritabilità. Alcuni genitori possono diventare più smemorati o soffrire di ansia e depressione. Molti mettono persino in dubbio la loro capacità di essere genitori. I sentimenti di inadeguatezza, confusione e isolamento sono molto comuni”.

Per fortuna ci sono diversi modi per combattere il burnout. Una delle prime cose che dovresti fare se avverti questi sintomi è parlarne con il tuo partner e i tuoi genitori. Spiega ai tuoi cari come ti senti e confrontati con loro sul modo migliore per migliorare la situazione. Anche solo al livello pratico di gestione dei figli.

Altrettanto importante è il riposo. Dormire bene, soprattutto se in casa si ha un neonato, è quasi sempre impossibile, ma i pisolini di venti minuti, ad esempio, possono essere di grande aiuto per ridurre lo stress, migliorare la tua concentrazione e aiutarti a regolare meglio le tue emozioni.

Esaurimento emotivo, quando la stanchezza interiore è troppa: 4 segnali d'allarme

Evita, inoltre, di colpevolizzarti per ciò che provi. Sentirsi frustrati e demotivati durante un periodo di stress è assolutamente normale e questo non ti rende una cattiva mamma o un cattivo papà.

Se questa sensazione di smarrimento e sopraffazione continua a tormentarti da tempo, prova a chiedere aiuto a uno psicologo o un terapista. “Ci sono momenti in cui possiamo beneficiare del supporto degli altri, compresi i professionisti della salute mentale” , ha detto la psicologa Diana Concannon. “A volte il solo parlare delle cose che ci fanno stare male può aiutarci ad acquisire una prospettiva più ampia o nuove intuizioni che ci aiuteranno a vivere meglio”.

Articolo originale pubblicato il 11 Maggio 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!