diredonna network
logo
Stai leggendo: Insegnare la Tavola Periodica ai Bimbi? Ecco l’Idea Geniale di Questa Mamma!

Perché i pediatri dicono no a dieta vegana e vegetariana per i bambini

5 Storie di violenza ostetrica: una donna su 5 maltrattata durante il parto

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

"Ecco le 10 cose che ho imparato dalla morte di mio figlio"

Malata di cancro, sacrifica la sua vita per dare alla luce sua figlia

Fare la madre surrogata può essere un lavoro?

Che cos'è la fontanella del neonato?

Insegnare la Tavola Periodica ai Bimbi? Ecco l'Idea Geniale di Questa Mamma!

Amiche, voi come vi ingegnate quando i vostri bimbi vi chiedono di aiutarli a studiare la tavola periodica degli elementi? Noi saremmo un po' in difficoltà, per fortuna ci viene in soccorso l'idea di questa mamma: ecco cosa si è inventata...
insegnare tavola periodica
Fonte: boredpanda.com

Quando i nostri bambini iniziano ad andare a scuola, prendono il via anche quei drammatici pomeriggi – per qualcuno ogni singolo giorno, per qualcun altro solo di quando in quando – in cui dobbiamo sederci accanto loro per aiutarli a fare i compiti. E finché si tratta di imparare l’alfabeto o le tabelline il problema non si pone, anzi: se il piccolo collabora, è pure divertente. Ma quando l’attività segnata sul diario dei nostri bambini è “studiare la tavola periodica degli elementi” si palesa la necessità di avere un piano A e un piano B: in primis dobbiamo essere sicure di ricordarcela noi, la tavola periodica (amiche, sincere: quante di voi la ricordano bene?) e, in seconda istanza, dobbiamo trovare un modo originale e divertente per spiegarla a loro e soprattutto per far sì che la imparino a dovere senza necessariamente impazzire.

Per la tavola periodica degli elementi, per esempio, potremmo prendere spunto dall’idea geniale di questa mamma, Karyn Tripp: i suoi quattro bimbi studiano a casa e lei ha trovato il modo di trasformare la chimica in un gioco divertente. Come? Attraverso la classica battaglia navale!

tavola periodica battaglia navale
Fonte: boredpanda.com

I giocatori, ossia i bambini, segnano un perimetro attorno agli elementi da due, tre, quattro e cinque punti che saranno le loro nave. Poi, per giocare, ciascuno chiama le coordinate (in questo caso sono state usate lettere e numeri). Il fine è trovare gli elementi nel più breve tempo possibile.

Questo gioco va bene anche per bimbi che non abbiano idea di cosa sia la tavola periodica – ha raccontato Karyn, come riferisce Bored Panda – Mia figlia di 8 anni non ha studiato chimica ancora, ma si è divertita davvero tanto.

In pratica, per giocare, Karyn stampa la tavola periodica in 4 copie, non necessariamente colorate. Una parte rimane appoggiata sul tavolo mentre l’altra viene collocata in alto, agganciata a una cartelletta colorata con una clip. I bambini a questo punto possono segnare con un pennarello dove vogliono posizionare le loro navi cerchiando file da 2, 3, 4 o 5 elementi sulla parte bassa della tavola. Il gioco parte quando si iniziano a chiamare le coordinate. Se sbagliano mettono una X sul foglio in alto. Se fanno un punto, lo cerchiano, sempre sul foglio in alto. Possono continuare a giocare sino a che una persona affonda tutte le imbarcazioni dell’ultimo giocatore rimasto.

tavola periodica battaglia navale
Fonte: boredpanda.com

Adoro trascorrere il mio tempo con loro – ha confidato la mamma-insegnante – e adoro guardarli imparare, crescere, esplorare.

Kanny ha infine spiegato di aver utilizzato nel gioco le coordinate numeriche perché sua figlia di 8 anni non era ancora in grado di leggere le sigle degli elementi. Ma dopo aver imparato, tutti i bambini hanno giocato utilizzando esclusivamente i nomi degli elementi anziché lettere e numeri. Esperimento riuscito, quindi!

Qui in redazione stiamo iniziando a pensare di giocarci anche noi, così, per ripasso…