9 papà famosi che hanno scelto il congedo di paternità

9 papà famosi che hanno scelto il congedo di paternità
Fonte: Pixabay
Foto 1 di 10
Ingrandisci

Per anni l’opinione diffusa è stata che le madri fossero le principali o esclusive responsabili dei figli, come se il padre contasse poco o niente nella loro crescita ed educazione; e ancora oggi si fatica ad abbandonare questa mentalità che, lungi dall’essere un riconoscimento di valore alle donne, in realtà le penalizza, costringendole spesso a sacrificare il proprio lavoro perché prive di un sostegno istituzionale che potrebbe venire anche dal congedo di paternità. Senza contare che uno strumento del genere rappresenterebbe anche un mezzo, importantissimo, per i papà per poter stare con i figli e occuparsi di loro.

Beninteso, il congedo di paternità esiste in moltissimi Paesi, Italia compresa ovviamente, ed è tutelato da legge, ma sembra sempre che, soprattutto rispetto ad altre realtà, da noi non sia ancora preso troppo in considerazione: basti pensare alla recente modifica della Legge di Bilancio, approvata il 20 dicembre 2020, che ne ha esteso la durata da 7 a 10 giorni, recependo quanto contenuto nella direttiva europea 2019/1158, che sono niente se paragonate alle 16 settimane concesse dalla Spagna (lo stesso dato alle donne), che ha aumentato, a partire dal 1° gennaio 2021, il congedo, prima fermo a 12 settimane (comunque imparagonabile alla realtà italiana).

Congedo di paternità: come siamo messi (male!) in Italia

Eppure anche i papà italiani sembrano desiderosi di dare il proprio contributo, soprattutto se pensiamo che nel 2018 lo ha richiesto il 33% dei padri (nonostante le cifre in aumento, c’è da dire che la maggior parte continua a rinunciare a questa possibilità). Tra i pionieri di questa tendenza ci sono anche e soprattutto le celebrità: personaggi famosi come politici e imprenditori soprattutto, ma anche chef e… Principi, che hanno richiesto il congedo di paternità loro spettante per poter stare vicino ai figli e alle compagne, o permettere a queste ultime di tornare al lavoro. Vediamo insieme chi sono in questa gallery.

Articolo originale pubblicato il 1 Marzo 2019