diredonna network
logo
Stai leggendo: Baby sitter: lavoro o passione?

Mom shaming: il bullismo delle madri perfette

Francesca: "Vi spiego il pericolo dei non vaccinati". La lotta di una mamma che ha perso il suo bimbo

"Gli uomini non accettano che io, donna, non voglia avere figli"

Gravidanza senza sintomi: devo preoccuparmi?

Disostruzione pediatrica: la manovra antisoffocamento di Heimlich per neonati e per bambini più grandi

Adottare un bambino: 4 storie che raccontano l'Odissea delle adozioni

Fecondazione assistita: la storia di 3 donne che ce l'hanno fatta

Tecnica Fellom, come insegnare al bambino a usare il vasino in 3 giorni

"Perché a 39 anni ho deciso di congelare i miei ovociti"

Bonus mamma 2017, ecco come e chi può fare richiesta

Baby sitter: lavoro o passione?

La baby sitter: una seconda mamma o un lavoretto da fare tra un esame e l'altro all'università? L'esperienza di chi ha iniziato per gioco e si è ha scoperto quanto questo mestiere sia bello e difficile allo stesso tempo.

Cosa significa essere baby sitter per voi?

Spesso lo stereotipo ci porta a pensare a giovani studentesse che per pochi spiccioli si dedicano “anima e cuore” ai figli di altre donne. Eppure non sempre è così e, come insegna Tata Lucia, il mestiere della baby sitter è forse uno dei più difficili al mondo.

Non solo perché devi imparare a farti amare da uno o più figli di una mamma che non sei tu, ma soprattutto perché nelle ore di lavoro diventi punto di riferimento e parte integrante della vita del bambino che gioca, impara e cresce con te che, per il resto del mondo vieni considerata solo un lavoretto “tappabuchi”.

Faccio questo lavoretto da circa 13 anni, ho iniziato da studentessa universitaria e ho visto crescere almeno 5 o 6 bambini e oggi, che lo faccio per mestiere mi rendo conto di quanto poca sia la differenza con una insegnante di scuola dell’infanzia e di quanta sia ampio, invece l’abisso di riconoscimento che c’è fra i due mestieri.

rescita, si fa educazione e almeno nel mio caso, per ogni famiglia che ho frequentato,  il lavoro si  è sempre fuso con la vita quotidiana e il rapporto, quasi univoco con i bambini a me affidati, è diventato uno splendido gioco che si chiama diventare adulti”.

Se si ha la fortuna di instaurare dei buoni rapporti con le famiglie e di avere un lavoro continuativo, si arriva a veder crescere dei bei giovanotti o signorine, dopo averli conosciuti appena lattanti e  rendersi conto di come il tempo passi come un lampo.

Mi chiedo spesso se il mestiere di baby sitter, sia  più un lavoro o sia una missione. Per il momento, vista la crisi e la mancanza di lavori più vicini alla mia formazione, io nutro la speranza di aiutare delle piccole creature  a diventare adulti.