diredonna network
logo
Stai leggendo: Sei mamma se… conosci questi cartoni moderni a memoria e ne sei ossessionata!

Fare la madre surrogata può essere un lavoro?

Quei "figli a tempo", orfani due volte: la legge che lascia i bambini senza famiglia

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Come sconfiggere l'insonnia in gravidanza?

Perché è tanto importante il Test di Coombs?

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Caffè in gravidanza: fa davvero male al feto?

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

"Ecco le 10 cose che ho imparato dalla morte di mio figlio"

Sei mamma se... conosci questi cartoni moderni a memoria e ne sei ossessionata!

Ogni mamma moderna conosce a memoria alcuni cartoni animati che tanto piacciono ai suoi bimbi ma che per lei sono una vera ossessione: Peppa Pig, Masha e Orso, Manny Tuttofare e tanti altri.
Fonte: web
Fonte: web

La nascita di un bambino, soprattutto del primo figlio, è qualcosa in grado di stravolgere gli equilibri psicofisici materni (e paterni) e di rivoluzionare la routine di una vita: un nuovo modo di pensare, un nuovo modo ci concepire il tempo, un modo diverso di viaggiare in auto, di fare la spesa, di pranzare e… di vedere la televisione!

Ho tante amiche che hanno dei figli di due o tre anni e che, non appena è nata la mia bimba, hanno iniziato a guardarmi con uno sguardo divertito, e anche un pochino allucinato. La prima cosa che ho pensato è che i loro occhi volessero dirmi che mi aspettavano dei mesi frenetici, all’insegna di pianti, pannolini e coliche. Ma, in realtà, volevano dirmi di prepararmi moralmente perché dopo qualche tempo sarei dovuta entrare nel fantomatico mondo dei cartoni animati della prima infanzia.

Sono una persona a cui piace portarsi avanti per cui, durante le poppate notturne dell’una, delle due o delle tre, in base alle richieste della piccola, ho acceso la televisione, anche per non crollare addormentata, ho sintonizzato sui canali per i bimbi e ho scoperto una realtà parallela coloratissima e psichedelica che ogni mamma conosce (suo malgrado).

Vi propongo quindi il frutto del mio zapping notturno, la lista dei cartoni animati che ossessionano la mamma moderna; ne ho dimenticato qualcuno?

1. Peppa Pig

Fonte: web
Fonte: web

In cima alla lista non poteva che esserci lei, la maialina più famosa della televisione, l’incubo di tanti genitori: si tratta di Peppa Pig.

Confesso che dopo un minuto e tredici secondi di visione ho avuto l’impellente necessità di cambiare canale, per due motivi: il primo, è che non sopportavo che parlando la “simpaticissima” Peppa facesse hoink ogni tre per due, il secondo, è che tutti i personaggi ridevano per le cose più sciocche.

Non dico che non si debba ridere, anzi è importante; ci sta ridere davanti al proprio riflesso nello specchio, a un gioco divertente o a un pasticcio, ma scoppiare a ridere, e sguaiatamente per giunta, ad affermazioni del tipo “a tutti piace avere un fratello“o “a tutti piace giocare all’aperto” non ha senso.

2. Masha e Orso

Fonte: web
Fonte: web

Questo cartone russo, nonostante la sua sigla con un jingle che definire irritante è un complimento, mi è piaciuto: ho sempre avuto un debole per le amicizie tra uomo animale, anche quelle un po’ assurde.

Certo, Masha è una bimba iperattiva che ogni tanto dovrebbe essere sedata, ma vuole tanto bene a Orso, che dal canto suo è così tenero e paziente da suscitare subito simpatia. Sono poi simpaticissimi anche i due lupi terrorizzati da Masha e la Tigre, ex collega del circo di Orso.

3. Manny Tuttofare

Fonte: web
Fonte: web

Ecco, non ci posso fare niente: un cartone incentrato su un omino e i suoi attrezzi parlanti, una sorta di nipote di Bob l’aggiustatutto, proprio non fa per me.

Non importa se gli attrezzi abbiano nomi simpatici come Pim, Squadra e Strizza o se il cartone spieghi come usarli: per me è di una noia mortale e il mondo degli attrezzi resta una realtà prettamente maschile.

4. Shaun vita da pecora

Fonte: web
Fonte: web

Una confessione: questo cartone animato lo conoscevo (e lo guardavo) anche prima, mentre stiravo pile di vestiti dall’altezza quasi infinita. E mi piace!

Le avventure di Shaun, del suo amico cane e del gregge di pecore nella fattoria inglese sono divertenti, simpatiche e un po’ nonsense, senza contare che l’animazione con la plastilina è affascinante.

A inizio 2015 è anche uscito il film e mi sa che alla prima occasione lo guarderò.

5. Dottoressa Peluche

Fonte: web
Fonte: web

Dottie è una bimba che cura peluche e giocattoli vari, più o meno come me da piccola, solo che i miei giochi non parlavano e non avevo come aiutanti una pecora e un ippopotamo.

Trovo che la protagonista sia leggermente fissata con l’uso dello stetoscopio, ma al di là di questo lo promuovo, perché insegna a prendersi cura delle proprie cose e anche degli altri.

6. Paw Patrol

Fonte: web
Fonte: web

Pensato per i bimbi un po’ più grandicelli, Paw Patrol racconta di un bimbo di dieci anni genio della tecnologia che, insieme a un variegato gruppo di cuccioli di cane dai travestimenti bizzarri, salva la città dove vive svariate volte.

Da prendere a piccole dosi.

7. I Dalton

Fonte: web
Fonte: web

Pensato anche questo per i bambini più grandi, I Dalton è la storia, ambientata nel Far West, di quattro fratelli e delle loro rocambolesche imprese per evadere dal carcere.

Ogni volta i Dalton falliscono miseramente, ma intanto fanno divertire con il loro umorismo e la loro imbranataggine.