diredonna network
logo
Stai leggendo: Charlize Theron: “Noi, mamme adottive non siamo meno madri delle altre”

Quei "figli a tempo", orfani due volte: la legge che lascia i bambini senza famiglia

Fare la madre surrogata può essere un lavoro?

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Come sconfiggere l'insonnia in gravidanza?

Perché è tanto importante il Test di Coombs?

Giù le mani dal pisellino: cose da non fare nell'igiene del bambino

Anche i papà soffrono di depressione post-partum ed è una cosa seria

Caffè in gravidanza: fa davvero male al feto?

Micol Olivieri di nuovo mamma: l'Alice de "I Cesaroni" lo annuncia così

"Ecco le 10 cose che ho imparato dalla morte di mio figlio"

Charlize Theron: "Noi, mamme adottive non siamo meno madri delle altre"

Charlize Theron, ospite nel talk show di Chelsea Handler, ha narrato la sua esperienza di mamma adottiva: ecco cosa pensa dell'adozione la bella e virtuosa attrice.
Charlize Theron noi mamme adottive non siamo meno madri altre
Fonte: SGP

Ricordate quel film scritto da Diablo Cody, “Young Adult“, in cui Charlize Theron è una ghostwriter in crisi, che vive nel passato e disprezza i bambini, la famiglia e tutto ciò che è convenzionale nel tentativo di riconquistare il fidanzatino del liceo? Era così brava e calata nella parte che avremmo sempre pensato a lei come “l’antimamma”. Eppure le cose stanno diversamente, molto diversamente. Perché Charlize è mamma nella realtà, fuori dalla finzione scenica. È una mamma adottiva: nella sua vita ci sono infatti Jackson, di 4 anni, adottato nel 2012, e la piccola August, di un anno, che è con lei solo da qualche mese.

Charlize è mamma adottiva come accade a molte star di Hollywood, sia che siano felicemente sposate, sia che siano felicemente single. Perché quando adotti un bambino è quel «felicemente» che fa la differenza, cioè la capacità dell’adottante di far stare bene il piccolo. Che dal momento in cui entrerà nella tua vita, tra l’altro, raddoppierà la felicità.

Un tempo forse non era così: i bambini adottati venivano guardati con un velo di diffidenza e non era raro che perfino i genitori adottivi, sulle prime, avessero nutrito delle paure, genetiche in particolare. Oggi però le persone studiano e comprendono di più e quei pregiudizi ignoranti sono fortunatamente dietro le spalle. E soprattutto c’è una consapevolezza crescente delle condizioni dei bimbi orfani e la voglia di condividere con loro la propria vita.

Charlize Theron noi mamme adottive non siamo meno madri altre
Fonte: Kikapress

Di recente, l’attrice che ha incantato tutti in molti film – tra gli ultimi “Mad Max: Fury Road” – è stata ospite nel talk show di Chelsea Handler su Netflix a raccontare, tra le altre cose, la sua esperienza di mamma adottiva. Charlize ha spiegato di non avere nulla di meno delle madri biologiche: perfino il suo corpo stava cambiando quando era in attesa dell’arrivo di Jackson. La diva ha raccontato infatti che le faceva male il seno: la tensione al seno riguarda il periodo della gravidanza e ha a che vedere con la possibilità di generare il latte una volta che è nato il pargolo.

Sembra quasi assurdo: Charlize Theron non era incinta, eppure aveva dei “sintomi” che capitano alle donne in stato interessante. Una spiegazione scientifica ci potrebbe anche essere. È molto probabile che, data la grande attesa per Jackson, Charlize abbia sviluppato molta prolattina, che è l’ormone per la cosiddetta “preparazione del nido”. Non è insolito, tant’è vero che la prolattina è prodotta anche dagli uomini quando la propria compagna è in dolce attesa.

In ogni caso, al di là dei forse, al di là delle opinioni, resta una certezza: mamme biologiche e mamme adottive non sono diverse. Non ci sono madri di serie A e di serie B: quando si decide di accogliere qualcuno nella propria vita e amarlo ben più della propria, si è semplicemente mamma. E Charlize è mamma, esattamente come chi ha portato il suo bimbo in grembo per nove mesi.

Charlize ha spiegato:

Quando sono diventata mamma, tutto è cambiato. Lo volevo davvero. Bramavo letteralmente la maternità ed ero pronta a dare tutto. Adottare un bimbo non è facile, nemmeno se sei una celebrità, ma la prima volta che ho preso in braccio mio figlio sono stata così felice – non avrei mai immaginato che fosse possibile. Oggi la maternità è una risorsa quotidiana di felicità, più di ogni altra cosa, più della mia carriera.”

Per Charlize Theron è stato possibile adottare anche da single, perché la legge USA glielo ha permesso. In Italia, questo non è ancora possibile: l’attrice Dalila Di Lazzaro, per esempio, dopo il 1992 ha combattuto numerose battaglie in tal senso, ma nulla è cambiato. Theron ha raccontato che non crede di fare nulla di che, semplicemente lei fai il suo dovere di mamma. La bella attrice ha chiosato nel salotto di Chelsea Handler:

Non sto cercando di provare nulla, né di essere una specie di simbolo. […] Nessuno vuole diventare mamma single, ma tanto tempo fa ho realizzato che la vita non può essere controllata. Mi sono adattata alla situazione perché sono pragmatica.”