diredonna network
logo
Stai leggendo: Finalmente Sisma ha un nome!

"Gli uomini non accettano che io, donna, non voglia avere figli"

Gravidanza senza sintomi: devo preoccuparmi?

Fecondazione assistita: la storia di 3 donne che ce l'hanno fatta

Francesca: "Vi spiego il pericolo dei non vaccinati". La lotta di una mamma che ha perso il suo bimbo

Disostruzione pediatrica: la manovra antisoffocamento di Heimlich per neonati e per bambini più grandi

Mom shaming: il bullismo delle madri perfette

Adottare un bambino: 4 storie che raccontano l'Odissea delle adozioni

Tecnica Fellom, come insegnare al bambino a usare il vasino in 3 giorni

"Perché a 39 anni ho deciso di congelare i miei ovociti"

Bonus mamma 2017, ecco come e chi può fare richiesta

Finalmente Sisma ha un nome!

oggi io, mio marito e Sisma siamo andato a fare l'ecografia morfologica. Finalmente sappiamo il sesso di Sisma!

141esimo giorno di gravidanza.

Oggi ho fatto (o meglio, ci hanno fatto) l’ecografia morfologica.
Per chi non lo sapesse, è un particolare tipo di ecografia molto precisa, che permette di vedere se l’abitante della pancia si sta sviluppando nel modo giusto.
Ero molto testa, perchè molte malformazioni vengono diagnosticate prima della nascita proprio grazie a questa ecografia e, com’è logico, la mia più grande speranza è che Sisma sia una persona sana.
Partiti col discreto anticipo di un’ora (e chi ce la faceva più ad aspettare in casa?), abbiamo avuto la fortuna di trovare una dottoressa molto puntuale.
Iniziamo l’eco.
Io stringevo forte la mano di mio marito, aspettando di sapere…bè, tutto.
Mio marito stringeva forte la mia mano, chino in avanti verso lo schermo.
La dottoressa, dall’improbabile nome di Hilda (come la zia di “Sabrina vita da strega”) ha iniziato le sue rilevazioni.
Capoccetta: ok
Femore e avambraccio: ok
Piedoni da Pippo: ok

“Volete sapere il sess…”
“Si!” In stereofonia, neanche l’avessimo provato.
“È una bellissima femminuccia.”
Ci guardiamo negli occhi. Sinceramente, proprio non ce lo aspettavamo. Non so bene il perchè, ma eravamo convinti fosse un maschio.
L’eco va avanti ancora un po’ poi la dottoressa ci chiede di andare a fare due passi, per aiutare la bambina a girarsi e rendere più chiare le riprese del suo cuore.
Usciamo. Guardo mio marito e mi accorgo che ha gli occhi lucidi.
“Hey, ma…è perchè è femmina? Ci sei rimasto male?”
“No. È che…hai visto come è bella?”
Ci abbracciamo.
Stretti.
In quel momento lo ho amato come non lo avevo mai amato prima, con tutto il mio essere. La piccola si è voltata nella mia pancia, come a ricordarci la sua presenza.
“Allora? Sicuro sul nome?”
“Si. Arianna. È il nome giusto, per lei.”

Finiamo l’ecografia, che è a posto e ci mostra come la nostra piccola spilungona sia sanissima e con un cuore a prova di bomba.
Usciti dall’ospedale siamo andati subito a comprare la prima tutina per lei.
È tutta rosa, con sopra Dumbo che sorride.
È per Arianna.