diredonna network
logo
Stai leggendo: Nuotare Intelligentemente! Tre validi motivi per avvicinare i bambini all’acqua

Quanto costa una baby sitter?

La bambina cresce abbastanza?

È possibile avere il ciclo in gravidanza?

Sapete cos'è la nidazione?

Storia di Roberta, che da bambina sapeva già di essere Edoardo

Assorbenti post parto: quali scegliere?

Perché i pediatri dicono no a dieta vegana e vegetariana per i bambini

Maya Sansa: "Famiglia? Il legame biologico non è l'unico possibile"

5 Storie di violenza ostetrica: una donna su 5 maltrattata durante il parto

Cos'è il Lotus Birth e perché i genitori rifiutano il taglio del cordone ombelicale

Nuotare Intelligentemente! Tre validi motivi per avvicinare i bambini all'acqua

Il nuoto come esperienza extra sensoriale, sviluppa l'intelligenza dei bambini e non solo un modo per fare attività fisica.
www.pianetamamma.it
www.pianetamamma.it

Estate-Mare un binomio imprescindibile, come Mare-Nuoto. Che il nuoto sia lo sport completo per eccellenza perchè sviluppa tutti i muscoli del corpo  è noto a tutti. Ma che i bambini che cominciano a nuotare in tenera età anticipano molte tappe dello sviluppo rispetto ai coetanei questo è meno noto. Il nuoto rafforza “l’autostima, coscienza dei propri  limiti, capacità di superamento delle difficoltà” (Federazione Italiana Nuoto).

Basta pensare a quanto il rapporto con l’acqua sia fondamentale sin dalle prime tappe di vita, prima con il liquido amniotico, poi con le nuove tecniche di parto il “parto in acqua” è considerato non solo meno doloroso ma meno traumatico sia per la madre che per il nascituro. Tantissimi studi supportano la tesi dei benefici del nuoto sulla sfera motoria, sensoriale e cognitiva. Sul motorio è inutile soffermarsi. Invece per quanto riguarda la sfera sensoriale il nuoto sviluppa tutti e cinque i sensi. La vista si aguzza per raggiungere l’obiettivo. L’udito si amplifica. Il gusto conosce sapori nuovi come il cloro o il sale.

L’olfatto allo stesso modo è stimolato dallo iodio e dal cloruro. Infine il tatto, l’acqua accarezza tutto la pelle. Gli studi parlano anche della sfera cognitiva e un bambino che nuotano mostrano nelle attività come il disegno, la matematica e nelle capacità espressive orali di essere avanti ai loro coetanei. Questa estate al mare cari papà e mamme approcciamoci all’acqua insieme ai nostri figli in modo naturale e divertente, evitiamo tuffi, inutili e spesso traumatici, usiamo braccioli, salvagenti per dare sicurezza. Insegniamo il ritmo del respiro e ricordate di non avere fretta, lo stile cagnolino è efficace e spassoso e soprattutto ricordiamo ai nostri figli che il corpo umano galleggia per natura. Il mare è un nostro amico.