diredonna network
logo
Stai leggendo: Nuotare Intelligentemente! Tre validi motivi per avvicinare i bambini all’acqua

Mom shaming: il bullismo delle madri perfette

Francesca: "Vi spiego il pericolo dei non vaccinati". La lotta di una mamma che ha perso il suo bimbo

"Gli uomini non accettano che io, donna, non voglia avere figli"

Gravidanza senza sintomi: devo preoccuparmi?

Disostruzione pediatrica: la manovra antisoffocamento di Heimlich per neonati e per bambini più grandi

Adottare un bambino: 4 storie che raccontano l'Odissea delle adozioni

Fecondazione assistita: la storia di 3 donne che ce l'hanno fatta

Tecnica Fellom, come insegnare al bambino a usare il vasino in 3 giorni

"Perché a 39 anni ho deciso di congelare i miei ovociti"

Bonus mamma 2017, ecco come e chi può fare richiesta

Nuotare Intelligentemente! Tre validi motivi per avvicinare i bambini all'acqua

Il nuoto come esperienza extra sensoriale, sviluppa l'intelligenza dei bambini e non solo un modo per fare attività fisica.
www.pianetamamma.it
www.pianetamamma.it

Estate-Mare un binomio imprescindibile, come Mare-Nuoto. Che il nuoto sia lo sport completo per eccellenza perchè sviluppa tutti i muscoli del corpo  è noto a tutti. Ma che i bambini che cominciano a nuotare in tenera età anticipano molte tappe dello sviluppo rispetto ai coetanei questo è meno noto. Il nuoto rafforza “l’autostima, coscienza dei propri  limiti, capacità di superamento delle difficoltà” (Federazione Italiana Nuoto).

Basta pensare a quanto il rapporto con l’acqua sia fondamentale sin dalle prime tappe di vita, prima con il liquido amniotico, poi con le nuove tecniche di parto il “parto in acqua” è considerato non solo meno doloroso ma meno traumatico sia per la madre che per il nascituro. Tantissimi studi supportano la tesi dei benefici del nuoto sulla sfera motoria, sensoriale e cognitiva. Sul motorio è inutile soffermarsi. Invece per quanto riguarda la sfera sensoriale il nuoto sviluppa tutti e cinque i sensi. La vista si aguzza per raggiungere l’obiettivo. L’udito si amplifica. Il gusto conosce sapori nuovi come il cloro o il sale.

L’olfatto allo stesso modo è stimolato dallo iodio e dal cloruro. Infine il tatto, l’acqua accarezza tutto la pelle. Gli studi parlano anche della sfera cognitiva e un bambino che nuotano mostrano nelle attività come il disegno, la matematica e nelle capacità espressive orali di essere avanti ai loro coetanei. Questa estate al mare cari papà e mamme approcciamoci all’acqua insieme ai nostri figli in modo naturale e divertente, evitiamo tuffi, inutili e spesso traumatici, usiamo braccioli, salvagenti per dare sicurezza. Insegniamo il ritmo del respiro e ricordate di non avere fretta, lo stile cagnolino è efficace e spassoso e soprattutto ricordiamo ai nostri figli che il corpo umano galleggia per natura. Il mare è un nostro amico.