diredonna network
logo
Stai leggendo: Sculacciate ai figli: educazione o violenza?

Mom shaming: il bullismo delle madri perfette

Francesca: "Vi spiego il pericolo dei non vaccinati". La lotta di una mamma che ha perso il suo bimbo

"Gli uomini non accettano che io, donna, non voglia avere figli"

Gravidanza senza sintomi: devo preoccuparmi?

Disostruzione pediatrica: la manovra antisoffocamento di Heimlich per neonati e per bambini più grandi

Adottare un bambino: 4 storie che raccontano l'Odissea delle adozioni

Fecondazione assistita: la storia di 3 donne che ce l'hanno fatta

Tecnica Fellom, come insegnare al bambino a usare il vasino in 3 giorni

"Perché a 39 anni ho deciso di congelare i miei ovociti"

Bonus mamma 2017, ecco come e chi può fare richiesta

Sculacciate ai figli: educazione o violenza?

Con i propri figli è meglio usare il bastone o la carota? I "vecchi metodi" funzionano, ma vanno usati con moderazione: ecco perché.
Sculacciate ai figli: educazione o violenza?

I figli combinano sempre qualche danno e, quando esagerano, spesso lo fanno intenzionalmente.
Però i genitori vivono sempre nel dubbio “se punirli oppure no”, senza sapere quale sia la soluzione migliore, se usare più bastone o più carota.

Disciplina non è violenza

Ma esiste davvero un modus operandi corretto? Le sculacciate ai figli vanno date oppure no? Le punizioni servono a qualcosa?
Ebbene, alcuni esperti ritengono che una punizione ideale esiste ed è quella “piccola, veloce ed equilibrata”. E poi bisogna voltare pagina.
Una castigo utile ed efficace dev’essere immediato e incoraggiante, breve e fattibile.

I bambini, infatti, soprattutto i più piccoli, vivono nel presente e hanno bisogno di collegare la punizione all’evento in corso; il rimprovero non va mai rimandato, va sempre spiegato e non deve entrare a far parte della routine quotidiana.

Chi è a favore delle sculacciate?

Una punizione deve essere piccola e simbolica, non umiliante (i bambini fanno cose “cattive”, ma non sono “cattivi”) e breve (appena il bimbo dimostra di aver capito bisogna subito ripristinare la pace).
Non deve colpire l’autostima e la capacita di relazionarsi (impedire di andare ad un compleanno non serve a nulla); dev’essere privata, senza spettatori e meglio se “faccia a faccia”.

Inoltre è inutile minacciare punizioni plateali che poi non vengono mantenute, optando per provvedimenti fattibili e a misura di bambino, che però non riguardino bisogni fisiologici come il mangiare o il dormire.

Quindi, castighi e sculacciate servono, ma a piccole dosi e somministrati nel modo giusto.

Le punizioni devono prevedere una limitazione dei movimenti dei bambini o una restrizione della loro possibilità di gioco (fermi sulla sedia per 10 minuti), per aiutarli a capire che hanno esagerato.

E ogni tanto una sculacciata decisa, ma ben dosata e parsimoniosa, può fare molto bene. Sottolineiamo sculaccione e non sberla o schiaffo, perché queste due soluzioni possono indurre i bimbi a fare altrettanto, in un certo senso autorizzandoli a ricorrere alla violenza in altre circostanze.

Comunque sia, per la maggior parte degli psicologi e dei pediatri, il metodo migliore da adottare resta “la riparazione del danno”: ad esempio fare ordine dopo aver messo sottosopra la cameretta. Così facendo i figli riparano ai danni fatti e si responsabilizzano (mentre i genitori si rilassano un po’, ndr).

Dopo aver constatato che le punizioni e le sculacciate, se date con criterio, servono e rendono i bambini più forti e sicuri di sé, concludiamo suggerendo ai genitori di non avere paura di stabilire regole e di farle rispettare.
Occorre solo evitare di contrattare i castighi, di promettere e non mantenere, di assegnare punizioni eccessive rispetto alle malefatte commesse.

Consigli utilissimi, insomma. Ma metterli in pratica non è sempre così facile…