diredonna network
logo
Stai leggendo: Stick di ovulazione: mai provato lo stick che ti dice quando puoi restare incinta?

Giorni fertili: si può restare incinta anche durante il ciclo?

Troppo criticate: la maggior parte delle mamme si sente in colpa

Fasciatoio: come creare un tenero angolo per il cambio del bambino

"Esiste uno schema svezzamento da seguire?"

"Può accadere di rilasciare feci durante il parto?"

I genitori hanno un figlio preferito anche se dicono di no

Test di gravidanza: è attendibile dopo 32 giorni dal rapporto?

Neonati e animali: è pericolosa la convivenza?

Stomatite nel bambino: quali sono le cause e le cure?

La bellissima risposta di questa mamma a chi dice che suo figlio è "ripugnante"

Stick di ovulazione: mai provato lo stick che ti dice quando puoi restare incinta?

Più o meno tutte sappiamo cosa sia lo stick di ovulazione, ma quante di noi effettivamente ne conoscono il funzionamento? E che differenza c'è tra uno stick di ovulazione canadese e un Clearblue? Voi lo avete mai provato?
stick di ovulazione
Fonte: web

Se si vogliono ottimizzare le probabilità di concepimento o, al contrario, ci si vuole mettere al riparo dalla possibilità di incorrere in gravidanze indesiderate, quello degli stick di ovulazione è senza dubbio un ottimo metodo.

Questi infatti servono proprio per individuare i giorni in cui si è fertili, poiché rilevano nelle urine le modificazioni ormonali associate all’ovulazione, in particolar modo la concentrazione di LH, il cosiddetto ormone luteinizzante prodotto dall’ipofisi, la cui presenza nell’organismo aumenta circa 24-48 ore prima dell’ovulazione; sono consigliati soprattutto a quelle donne che non riescono a individuare i giorni fertili dall’analisi del muco cervicale, e funzionano grosso modo come i test di gravidanza, dato che si avvalgono di stick da mettere sotto il flusso delle urine per pochi secondi.

Come funziona lo stick di ovulazione

stick di ovulazione come funziona
Fonte: web

Parlando dei cosiddetti stick di ovulazione canadesi, ovvero quelli che rilevano solo il livello di LH, quando la concentrazione dell’ormone, responsabile del rilascio della cellula uovo dal follicolo ovarico, arriva a determinati livelli, sullo stick appare un simbolo, solitamente una striscia colorata, che indica i giorni giusti per concepire.

Le probabilità di restare incinte sono elevate già 3-4 giorni prima del momento dell’ovulazione, poiché in questo periodo gli spermatozoi sono in grado di sopravvivere nelle cripte delle ghiandole del collo dell’utero. Val la pena sottolineare, comunque, che un test positivo non indica necessariamente che l’ovulazione ci sarà, poiché, nonostante il picco di LH, sono possibili anche cicli anovulatori, ovvero privi di ovulazione, soprattutto se parliamo di soggetti non più giovanissimi.

In generale, il risultato è positivo solo se la seconda linea è uguale o di colore più scuro rispetto a quella di controllo, una linea più chiara non indica esito positivo. Altrettanto importante è cercare di evitare l’urina del mattino, diversamente da quanto si fa con i test di gravidanza, dato che l’ormone LH inizia a essere prodotto nel corpo la mattina presto e diventa rilevabile nelle urine alcune ore dopo; proprio per questo il momento migliore per fare i test di ovulazione è nel primo pomeriggio.

Tenendo presente che l’ovulazione avviene 36 ore dopo l’inizio della crescita dell’LH e circa 17 ore dopo il picco dell’LH, e anche quanto sopravvive una cellula uovo, come abbiamo detto dal momento del primo test positivo si hanno circa 36-48 ore utili per avere rapporti, a meno che l’ormone non sia cresciuto il giorno prima e si riesca a individuare solo il picco LH, nel qual caso è necessario avere il giorno stesso un rapporto per non rischiare di non avere il tempo utile al concepimento.

Se abbiamo dei dubbi i test LH canadesi possono essere ripetuti un paio di volte al giorno, preferibilmente a distanza di 12 ore l’uno dall’altro, per non perdere ore utili per cercare il concepimento. Oltre a quelli canadesi, però, ci sono anche stick di ovulazione che controllano sia l’ormone LH che l’estradiolo.

Stick di ovulazione Persona e Clearblue

stick di ovulazione persona/clearblue
Fonte: web

Gli stick Persona e Clearblue leggono entrambi gli ormoni individuando così un totale di 4 giorni fertili, eliminando in questo modo il rischio di scoprire troppo tardi un test ovulazione positivo e dando così tutto il tempo per avere rapporti fertili.

Se usate gli stick Persona, senza il piccolo computer, dovrete imparare a interpretare le linee destra e sinistra, con la finestra destra che corrisponde all’LH, quella sinistra all’estradiolo. Le due linee funzionano in modo inverso, più aumenta l’LH e più aumenta di intensità, mentre a sinistra la linea diminuisce di intensità all’aumentare del livello di estradiolo. Se l’ovulazione è lontana la linea sinistra sarà molto evidente, stando a significare estradiolo assente, e la linea destra sarà invece molto flebile, dato che non viene rilevato LH. Più si avvicina l’ovulazione, più la linea sinistra diventa debole per l’aumento dell’estradiolo, e più diventerà invece evidente quella destra, per via dell’aumento di LH e quella destra diventa evidente; quando la linea sinistra è molto debole o assente perché il livello di estradiolo è molto alto, e la linea destra invece è molto intensa, significa che l’ovulazione è imminente.

Invece secondo i test Clearblue si è fertili quando la “faccina” inizia a lampeggiare e fino a quando diventa negativo nuovamente, ovvero nel giro di 4 o 6 giorni circa.

Gli stick di ovulazione canadesi sono molto economici, i prezzi variano da circa 7 euro ai 18; mentre i Clearblue si aggirano in media attorno ai 26 euro, e i Persona arrivano persino ai 70 euro.

aggiornamenti