E se esistesse un videogioco capace di contrastare disturbi neuropsichiatrici o alleviare alcune condizioni neuropsichiatriche? La risposta non è ipotetica: esiste. Si tratta infatti del videogioco EndeavourRx, che è stato approvato dalla Food & Drug Administration per aiutare la concentrazione nei bambini tra 8 e 12 anni con deficit di attenzione o iperattività (Ahdh). Questo videogame implementerebbe le attività cerebrali di messa a fuoco e di multitasking.

Come riporta il sito Mother, l’Adhd è in crescita (ma i numeri aumentano anche perché oggi riesce a essere diagnosticato con maggiore precisione rispetto al passato). Tuttavia 4 bambini su 10 non assumono i farmaci prescritti e le loro famiglie premono per trattamenti alternativi: i farmaci sono in alcuni casi “incatenanti”, non vanno sempre bene per tutte le condizioni neuropsichiatriche, come ha denunciato Daniele Silvestri nel suo brano Argentovivo. A volte vengono percepiti come la soluzione più semplice, ma non è detto che vada sempre bene per tutti. In ogni caso, per ogni dubbio, è sempre bene ascoltare il parere di un medico di fiducia o ascoltare più voci ma sempre di professionisti accreditati.

EndeavourRx si offre così come trattamento alternativo ai medicinali contro l’Adhd, perché fornisce stimoli uditivi e visivi che richiedono grande concentrazione e quindi riduce i sintomi del deficit dell’attenzione. E il bello che, apparentemente, è un gioco come tanti altri, come Super Mario o Sonic: si deve “navigare” raccogliendo oggetti o evitando ostacoli, insegnando così al bambino a concentrarsi e a passare rapidamente da un’attività a un’altra. E ovviamente ci sono livelli via via più impegnativi, come per tutti i videogame.

Con il coding per bambini la tecnologia diventa un gioco da ragazzi

Viene prescritto dal medico, ma funziona in tandem con altre soluzioni, come terapie neuropsichiatriche ed attività educative. E talvolta anche farmaci ma con dosaggi inferiori rispetto a quello che accadrebbe senza videogioco.

I videogiochi e le terapie digitali offrono un’opportunità unica in un mondo con fornitori limitati di servizi di salute comportamentale – ha spiegato Christopher D. Dietrich, PA-C, direttore medico dell’Orion Behavioral Health Network in Alaska – Avere modalità terapeutiche aggiuntive con benefici comprovati espande le opzioni di trattamento per molti. […] Prescrivo EndeavourRx con limitazioni di circa 20 minuti al giorno per cinque giorni settimanali e quattro settimane. Quindi c’è un periodo di pausa: si riavvia il programma con una pausa di quattro settimane.

EndeavourRx deve essere sottoposto al bambino ogni giorno alla stessa ora e in un luogo tranquillo, dando vita così a una routine, affinché abbia effetti benefici. Si scarica sia su device iOs che Android e i genitori possono controllare i progressi del figlio o della figlia con un’app complementare.

IMPORTANTE! Da leggere prima di regalare a tu* figli* minorenne uno smartphone

In pratica EndeavourRx va utilizzato a piccole dosi e per un tempo determinato: quando il gioco finisce, finisce. Il che, secondo la scienza, dovrebbe essere una modalità per tutti i videogiochi. Trascorrere troppo tempo con un videogame riduce la quantità di materia grigia nell’ippocampo. E anche giochi elettronici come puzzle o sfide di parole non migliorano le capacità cognitive. Senza contare il fatto che negli ultimi due anni i bambini, per una ragione o per un’altra, hanno trascorso moltissimo tempo davanti allo schermo a causa della pandemia di Covid-19.

In base alle mie conoscenze più recenti e cliniche – ha commentato Dietrich – negli ultimi 10 anni ci sono stati studi sull’uso elettronico significativo che mostrano come un uso eccessivo dell’elettronica, che non è strutturato per la scuola o l’apprendimento, mostra maggiori preoccupazioni per la disattenzione.

EndeavourRx è stato testato per evitare tutto questo e appunto per essere d’aiuto contro l’Adhd. Sono stati condotte diverse ricerche a questo proposito: in uno di essi, alla fine del percorso, il 33% dei bambini osservati non aveva più deficit di attenzione, ma in generale quasi tutti hanno mostrato dei grossi miglioramenti. E senza eventi avversi. In più i miglioramenti sono gli stessi sia nel gruppo di bambini che assumevano farmaci sia in quello che non li assumeva.

Articolo originale pubblicato il 28 Febbraio 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!