diredonna network
logo
Stai leggendo: BabyPod: l’iPod vaginale per far ascoltare la musica al bebè nel pancione!

BabyPod: l’iPod vaginale per far ascoltare la musica al bebè nel pancione!

Far ascoltare la nostra musica preferita al bimbo che portiamo in grembo? Ora sarà possibile con un rivoluzionario dispositivo che si inserisce direttamente nella vagina rendendo possibile al feto di percepire i suoni in modo non ovattato. Si chiama BabyPod e va collegato direttamente al nostro smarthphone. Che ne dite? L'idea sembra davvero carina, ma vediamo come funziona!
Fonte: Web
Fonte: Web

La clinica di ostetricia e ginecologia spagnola Institut Marquès ha creato il primo dispositivo intravaginale che consente al bimbo, ancora in grembo materno, di ascoltare musica senza effetto ovattato. Babypod costa circa 120 euro, è un altoparlante a uso vaginale dalla forma sferica e rivestito di lattice ipoallergenico rosa, che funziona collegandolo con un cavo jack da 3,5 millimetri a uno smartphone. La casa produttrice ha assicurato che lo speaker non può superare 54 deciBel, equivalenti ai deciBel di una conversazione molto calma. L’obiettivo? “Stimolare il vocalizzo dei feti attraverso la musica e incoraggiarne lo sviluppo neurale”. Vediamo insieme quali sono i possibili vantaggi di questa novità tecnologica per future mamme e nascituri.

1. BabyPod: cos’è e come funziona

Fonte: BabyPod.net
Fonte: BabyPod.net

Babypod è uno speaker vaginale semplicissimo da usare: si inserisce nella vagina della donna in dolce attesa come un normale assorbente interno (per intenderci) e si collega al proprio smartphone. È ‘unico modo, spiega il team che ha sviluppato e progettato BabyPod, affinché i feti possano ascoltare suoni provenienti dall’esterno non ovattati.

2. BabyPod: quali sono i vantaggi?

Fonte: Web
Fonte: Web

La casa produttrice del dispositivo afferma che i bambini in vita intrauterina sono in grado di sentire e reagire ai suoni già dopo 16 settimane. Non è ancora chiaro, tuttavia, se i piccoli possano effettivamente beneficiare dell’ascolto di una musica o di vari suoni, ma la società crede che questo ascolto possa comunque apportare vantaggi alla crescita del feto. In particolare, BabyPod dovrebbe “stimolare la vocalizzazione dei bambini ancor prima della nascita attraverso la musica e favorire il loro sviluppo neurale“.

3. L’universo sonoro del bimbo nel grembo materno

Fonte: Web
Fonte: Web

Durante la gravidanza il bambino riceve diversi stimoli sonori sia dall’esterno che dall’interno. La vita intrauterina, infatti, è scandita dal battito cardiaco della mamma, dalla sua voce e dal suo respiro. Il suono è la prima forma di comunicazione con la mamma: fino alla 24esima settimana del feto è percepita come una semplice vibrazione, ma già verso il 5° mese, il piccolo inizia a percepire anche con l’orecchio ed entra in contatto con il mondo sonoro che esiste fuori dal pancione. Non solo, il feto percepisce se la mamma è felice e rilassata, così come percepisce uno stato di ansia o agitazione. Se la mamma si emoziona e si diverte ad ascoltare un pezzo musicale, pertanto, il bimbo nella pancia ne trarrà una sensazione piacevole e positiva. Lo stesso accade quando la mamma canta per il proprio bambino. La musica ascoltata dalla mamma “passa” al bimbo attraverso il suo corpo che vibra durante l’ascolto e reagisce alla sensazione piacevole e rilassante prodotta da quelle sonorità.

.

4. Musica in gravidanza… è davvero benefica per il bimbo?

Fonte: Web
Fonte: Web

L’ascolto della musica in gravidanza, pertanto, può rappresentare un momento importante per lo sviluppo della comunicazione e dell’interazione tra mamma e bambino. Ovviamente, perché tale esperienza sia gratificante non deve essere un’imposizione ma la scelta di un momento di relax e piacere da condividere con il piccolo. Per questo motivo è utile che la mamma opti per una musica che le piaccia e la faccia stare bene e non necessariamente quella “consigliata” (ad es. la musica classica) se non è di suo gradimento. La noia, in questo caso, verrà percepita anche dal bambino e l’esperienza non avrà più l’effetto desiderato.

5. Perché BabyPod è un prodotto potenzialmente rivoluzionario?

Fonte: BabyPod.net
Fonte: BabyPod.net

Dopo aver analizzato alcuni dei benefici prodotti dall’ascolto della musica in gravidanza, non rimane che chiederci quale valore aggiunto potrà portare il nuovo dispositivo BabyPod. Sicuramente si tratta del primo strumento a disposizione delle future mamme per consentire al loro bambino ancora in grembo, non solo di percepire la musica preferita della mamma, ma di ascoltarla insieme a lei. Questo aspetto apporterebbe vantaggi non solo a livello emozionale ma anche per lo sviluppo del vocalizzo già prima della nascita.

6.Un lancio del prodotto davvero geniale!

Fonte: Youtube
Fonte: Youtube

Il prodotto è stato lanciato davvero in grande stile con il primo originalissimo “concerto per feti”. La cantante Soraya ha deliziato con melodie natalizie una folla di future mamme con speaker vaginale inserito e rispettivi feti in grembo. Insomma, ci aspettiamo ormai grandi emozioni dalla tecnologia sempre più attenta alla nostra vagina, come mostrano le ultime novità in commercio. Ci riferiamo, in particolare, a un altro dispositivo che ha fatto molto parlare di sé negli ultimi tempi: Little Rooster, la prima sveglia “sexy” che si posiziona sopra il clitoride e all’orario selezionato inizia a vibrare piacevolmente… che dire? Evviva il progresso!