diredonna network
logo
Stai leggendo: bPhone: Il Cellulare a Misura di Bambino, per Chiamare solo i Genitori

I 21 indovinelli per bambini più divertenti

Prepara i biscotti per la scuola con il latte materno: le reazioni del web

Sport in gravidanza: si può fare?

"Avrà un bimbo da sola": storie di italiane single all'estero per avere un figlio

"10 cose che voglio che mia figlia sappia sul suo corpo"

Mola vescicolare, che cos'è, sintomi e cause

Maternità facoltativa: come e perché richiederla

La reazione di questo papà alla nascita del figlio è epica

Essere 'matrigna': "Sono non-madre della figlia di un'altra ed è meraviglioso"

L'altra faccia della discriminazione: "Noi donne senza figli, lavoratrici di serie B"

bPhone: Il Cellulare a Misura di Bambino, per Chiamare solo i Genitori

Nasce bPhone, il cellulare a misura di bambino: quattro tasti, chiamate solo verso tre numeri memorizzati e geolocalizzatore. Ma è davvero necessario?
Fonte: web
Fonte: web

Si chiama bPhone ed è il primo cellulare a misura di bambino: si tratta di un dispositivo, adatto ai bimbi dai tre anni in su, che può effettuare chiamate solo verso tre numeri pre-impostati e al 112.

E può anche localizzare il bambino nel caso in cui questo si perda.

bPhone è stato ideato partendo da quanto è successo all’amministratore delegato di Giomax Corporation, che un giorno ha perso il figlio di quattro anni tra le vetrine dei negozi.

Da lì si è iniziato a sviluppare questo telefonino, con l’intento di creare un prodotto che possa fornire un servizio semplice, diversamente da quanto fanno smartphone e tablet; infatti bPhone non ha né giochi né altre funzioni.

Ha solo quattro tasti, non ha bisogno di un abbonamento e funziona con una sim.

Se il bimbo si perde il genitore deve solo scrivere un SMS con il testo “Trova” e il dispositivo invierà la posizione del bambino, che può a sua volta farsi trovare premendo il tasto centrale del telefono e inviando così un messaggio al genitore.

bPhone vuole anche tutelare la salute dei bambini: per questo le radiazioni elettromagnetiche sono ridotte al minimo e l’antenna è collocata dietro l’altoparlante e non vicino alla testa.

Sembra un prodotto accattivante, viene tuttavia da chiedersi quanto sia effettivamente necessario e quali siano gli effetti, educativi e non, sul bambino (e sui suoi genitori).