diredonna network
logo
Stai leggendo: Il richiamo degli angeli: cos’è e perché si regala alle future mamme

Sapete cos'è la nidazione?

Caffè in gravidanza: fa davvero male al feto?

Fare la madre surrogata può essere un lavoro?

Quando compare e quando finisce la leucorrea gravidica

Sacco vitellino: perché il primo segnale visibile della gravidanza

Perché la pillola del giorno dopo non è aborto e non può esserci obiezione di coscienza

Perché andare in piscina renderà il tuo bambino più felice

La bambina cresce abbastanza?

Quanto costa una baby sitter?

Storia di Roberta, che da bambina sapeva già di essere Edoardo

Il richiamo degli angeli: cos'è e perché si regala alle future mamme

Fra i regali più apprezzati che potete fare a una futura mamma, c'è sicuramente il richiamo degli angeli. Questo piccolo oggetto, il cui valore sta nel simbolo che rappresenta più che nel suo costo, ha un significato davvero importante e speciale, che risale a culture lontane nel tempo e nello spazio rispetto a noi. Ecco perché varrebbe sempre la pena regalarlo.
richiamo degli angeli
Fonte: web

Sono davvero molti i doni che possono essere fatti a una donna in attesa, ma negli ultimi tempi uno dei regali più gettonati per le future mamme sembra essere il richiamo degli angeli. Eppure, benché di gran moda, il significato di questo ciondolo – perché di questo si tratta – ha radici che affondano in tempi decisamente remoti.

Che cos’è il richiamo degli angeli? Si tratta di un piccolo sonaglio di forma sferica al cui interno è collocato un piccolo xilofono, su cui, ad ogni ondulazione, si muove una palla altrettanto piccola. Solitamente il ciondolo viene indossato attaccato a una catenina o a un cordoncino, in modo che il sonaglio si appoggi proprio sulla pancia della mamma, accanto al piccolo che cresce nel ventre materno.

Come abbiamo accennato, l’usanza di regalare il richiamo degli angeli alle donne in gravidanza non è una tendenza del momento, ma possiede un significato specifico che trova le proprie origini in culture arcaiche e molto lontane da noi.

Il significato del richiamo degli angeli

richiamo degli angeli significato
Fonte: web

Oggi si ritiene che il suono dolce e sordo che la pallina d’argento produce abbia un effetto calmante per il bambino; il feto, infatti, già a partire dalla ventiquattresima settimana inizia a sentire la voce della mamma e i suoni, soprattutto quelli a bassa frequenza, proprio come lo scampanellio di questo ciondolo. Il richiamo degli angeli avrebbe pertanto un’azione rilassante e stimolante per i suoi sensi, che continuerebbe anche dopo la nascita, poiché il bimbo, abituato a questo tipo di suono fin da dentro il pancione, lo riconoscerebbe come familiare.

In antichità, però, si pensava che il suono richiamasse gli angeli e che questi proteggessero il feto e la sua crescita durante la gravidanza. Questa è una credenza tipica soprattutto di alcune culture, in particolar modo quella indiana e messicana, che pensavano proprio che i sonagli, considerati dei semplici giocattoli nei paesi industrializzati, avessero in realtà questo potere magico; e, in effetti, si pensa che il richiamo degli angeli sia nato appunto in Messico; infatti viene chiamato anche bola messicana (bola, in spagnolo, significa palla).

Rappresenterebbe insomma un vero e proprio modo per richiamare l’attenzione degli angeli in modo che concedano la loro protezione a mamma e bambino, prima e naturalmente dopo la nascita. Per questo il richiamo degli angeli è un dono che sicuramente verrà apprezzato dai futuri genitori.

Modelli e prezzi del richiamo degli angeli

richiamo degli angeli prezzi
Fonte: web

Come abbiamo detto, il valore del richiamo degli angeli sta soprattutto nel simbolo che esso rappresenta, che è un auspicio di salute e di serenità per la mamma e per il nascituro, il quale, ovviamente, potrà portarlo con sé anche durante la crescita, magari sotto forma di braccialetto o di ciondolo. Proprio per questo motivo, anche i prezzi e i materiali sono piuttosto eterogenei e variabili: in commercio ci sono, ad esempio, modelli in argento, più semplici, o più elaborati, come quelli apribili, decorati, con brillanti. Ogni mamma può personalizzarlo a piacimento, magari incidendovi sopra il proprio nome e quello del nascituro. Non è il valore materiale a dare tanta importanza al richiamo degli angeli, ma l’atto di chi lo dona come modo per augurare la massima felicità. Anche i prezzi, di conseguenza, sono piuttosto diversi fra loro, proprio perché dipendenti dal tipo di materiale e di lavorazione che si richiede, e variano all’incirca dai 16 euro fino ai 70, con eccezioni che arrivano a superare i 100 euro, come nel caso di quello firmato da Le Bebè.

Ogni futura mamma, comunque, saprà sicuramente apprezzare il dono soprattutto per il significato beneaugurante che il richiamo degli angeli porta con sé, a prescindere dal costo del ciondolo, e ogni bambino, all’interno del grembo materno, potrà essere cullato dal suo dolce suono e chissà, magari davvero protetto dai suoi angeli custodi.