L’annegamento è una delle principali cause di morte tra i bambini di età compresa tra uno e quattro anni, ma anche gli adulti non ne sono certo immuni. Ecco 5 strategie per prevenire l’annegamento (sia dei bambini che degli adulti).

Un studio portato avanti da Safe Kids ha mostrato che circa 1.000 bambini annegano ogni anno. Inoltre, 7.000 bambini finiscono nei pronto soccorso ogni anno proprio per questo motivo e, spesso, questi casi si verificano in mare aperto. Da non sottovalutare è l’annegamento secondario, una reazione ritardata al soffocamento. In questi casi, l’acqua ingerita fa gonfiare i polmoni e i livelli di ossigeno nel sangue possono diminuire, portando a un rallentamento della frequenza cardiaca e all’arresto cardiaco.

Ecco perché le famiglie dovrebbero rilevare per tempo i segnali di pericolo. È opportuno recarsi immediatamente al pronto soccorso se il bambino sviluppa tosse o avverte dolore toracico, vomito, irritabilità o un calo drastico di energia. Ma quali sono le strategie che è possibile seguire per scongiurare questo pericolo (utili anche per gli adulti)?

Perché andare in piscina renderà il tuo bambino più felice

1. Presta costante attenzione ai tuoi bambini quando sono vicini all'acqua

Il primo consiglio è il più ovvio, ma di certo non è scontato. Se il tuo bambino è ancora molto piccolo, lasciarli anche solo qualche minuto a giocare da soli senza supervisione in piscina o al mare può essere fatale.

Anche se devi allontanarti per poco tempo, cerca sempre di tenerli sott’occhio, o chiedi a qualcuno di sostituirti fino a quando non torni.

Il suggerimento, però, è quello di nuotare sempre insieme a loro. Gli esperti suggeriscono di nuotare sempre a meno di un braccio di distanza dai propri figli, in modo da poter intervenire con più velocità in caso di emergenza.

Bagno dopo mangiato: quanto tempo bisogna davvero aspettare?

2. Iscrivi tuo figlio a un corso di nuoto

Imparare a nuotare correttamente può essere di grande aiuto per tuo figlio. Una volta apprese le tecniche di base, il tuo bambino si sentirà molto più sicuro di sé in acqua e questo ti farà stare più tranquilla.

Mantieni comunque sempre alta l’attenzione.Solo perché tuo figlio sa nuotare, non è immune dall’annegamento, soprattutto se sopraggiungono attacchi di panico o il mare è molto mosso.

3. Occhio ai galleggianti che i bimbi usano per giocare

I vari dispositivi di galleggiamento utilizzati dai bambini per giocare possono diventare pericolosi senza la dovuta attenzione. Soprattutto se hai bambini molto piccoli, utilizza sempre un salvagente per farli nuotare, finché non acquisiranno più dimestichezza con l’acqua.

4. Fai attenzione anche all'acqua bassa

Il rischio per i bambini non è direttamente proporzionale alla profondità dell’acqua quando si parla di annegamento. I bambini piccoli possono affogare anche in pochi centimetri d’acqua, soprattutto se ancora non riescono a sollevarsi facilmente. Anche in queste situazioni, la supervisione di un adulto è fondamentale.

5. Riconosci eventuali attacchi di panico o svenimenti

Attacchi di panico e svenimenti in mare o in piscina possono capitare sia ai bambini che agli adulti e non si verificano così di rado. Ecco perché è indispensabile saperne riconoscere i sintomi.

Fai attenzione se la persona è immobile, è a faccia in giù nell’acqua o “galleggia” in posizione eretta ma non fa alcun progresso in avanti. Presta attenzione all’espressione del suo viso per cogliere eventuali segni di paura o panico.

Articolo originale pubblicato il 8 Giugno 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!